Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Primarie centrodestra, Berlusconi nei gazebo con gli "aficionados"
ROMA

Primarie centrodestra, Berlusconi nei gazebo con gli "aficionados"

ROMA. Dopo le primarie della Lega e quelle  del Pd arrivano a Roma le gazebarie. Il popolo del  centrodestra va al voto e Guido Bertolaso viene messo alla prova  dei gazebo. Un vero e proprio referendum sull'ex numero uno  della Protezione Civile che, a fine giornata, conta - secondo  l'organizzazione che fa capo all'ex sottosegretario -  «un'affluenza tra le 29-31.000 persone». Cifra che però viene  contestata da Francesco Storace che fa riferimento alle 15 mila  presenze indicate dal coordinatore romano di Fi Davide Bordoni.

La parola, per oggi e domani, passa ai romani che sceglieranno  con un sì o un no se lui dovrà essere il candidato sindaco per  il centrodestra. In campo è sceso anche il leader di Forza  Italia Silvio Berlusconi che assicura: «È l'uomo del fare,  vincerà al primo turno».   C'è chi si è fermato davanti ai gazebo - ne sono stati  allestiti una settantina e con lo slogan 'Roma forte, sicura,  libera!' - «solo per la curiosità di vedere Bertolaso». E Chi  invece davvero ci crede nella consultazione popolare voluta dal  Cavaliere e nel 'tastarè così il polso dei romani: «Così si  vede se la gente vuol votare o meno. Ma soprattutto se lui deve  presentarsi o no - dice un signore dopo aver votato - Io so cosa  ha fatto nella sua vita Bertolaso e mi fido di lui». «Si  dovevano fare le primarie. E dovevano partecipare tutti - si  lamenta invece una signora - Mi sarebbe piaciuto di più. Anche  se alla fine avrei comunque scelto Bertolaso. Io credo in  Berlusconi e se lo ha scelto lui...».

Infine c'è anche chi non  ha nessun dubbio e oggi ha deciso di scendere in piazza  indossando una t-shirt con la scritta 'Roma sei tu, Bertolaso  sindacò. Come lui tanti 'aficionados' di Berlusconi la pensano  così: «Se il Cavaliere chiama noi ci siamo. Voteremo Bertolaso».  Qualcun altro è perplesso sul nome dell'ex capo della Protezione  civile: «L'ho votato ma mi spaventa la storia dei processi. Non  vorrei che alla fine fosse costretto a ritirarsi per altri  motivi». «In Tribunale? Andrà tutto bene, l'Italia è bella per  questo» gli risponde un signore.     In tanti si fermano a chiacchierare vicino ai gazebo.

«Ma  cosa è, un referendum su Bertolaso?» si chiede più di qualcuno.  E migliaia, secondo gli organizzatori, si sono recati oggi ai  gazebo allestiti in tutta la Capitale e che saranno aperti anche  domani, dalle 9.30 alle 13.30. In tanti si sono presentati ai  banchetti per rispondere ad un semplice domanda: «Guido  Bertolaso è stato indicato come candidato sindaco di Roma.  Condivide questa scelta? Si o no». Domani pomeriggio lo spoglio  della consultazione. Bertolaso aveva annunciato che se  prevarranno i 'nò o l'affluenza sarà inferiore a 10mila persone  si ritirerà dalla corsa per il Campidoglio. Un rischio che per  ora sembra essere scongiurato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X