Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Finanziaria, niente tetto per gli stipendi dei dirigenti
PARTECIPATE

Finanziaria, niente tetto per gli stipendi dei dirigenti

di

PALERMO. Bocciata con voto segreto una norma su cui sembrava esserci un accordo. Invece è servito una una retromarcia del Parlamento per salvare gli stipendi dei dirigenti di enti regionali e partecipate.

La norma prevedeva inizialmente che lo stipendio dei dirigenti amministrativi di enti regionali e partecipate venisse ridotto a 118 mila euro lordi all’anno. Oggi la maggior parte dei big delle partecipate incassa circa 160 mila euro lordi. Ma ci sono enti regionali in cui arriva a 240 mila euro annui.

Per questo motivo in commissione Bilancio si era concordato di ridurre tutto a 118 mila euro. Tutti d’accordo fino al colpo di scena: i grillini propongono il voto segreto su un loro emendamento che abbassa ulteriormente gli stipendi, portandoli a un massimo di 79.200 euro annui. E l’aula approva con 34 voti a favore: il minimo per far passare la proposta. A quel punto, pur di non andare nella direzione imposta dai grillini, l'aula di Sala d'Ercole ha preferito bocciare l'intero articolo. Lasciando di fatto intatto lo stipendio dei dirigenti di enti e partecipate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X