Lunedì, 23 Settembre 2019
REGIONE

Mezzo miliardo in meno per la Sicilia, Crocetta: solita politica

Il governo Renzi non c'entra nulla sull'emendamento in commissione Bilancio

PALERMO. "Dietro all'emendamento alla legge di stabilità da 900 milioni anziché da 1,4 miliardi, come concordato con lo Stato, c'è la solita politica nazionale dei pregiudizi nei confronti della Sicilia, come se volessimo soldi aggiuntivi. Noi vogliamo solo che l'isola sia allineata alle altre Regioni eliminando le discriminazioni che abbiamo subito. Il governo Renzi non c'entra nulla sull'emendamento in commissione Bilancio, anzi ha fatto la sua parte e stiamo lavorando insieme per risolvere la questione".

Lo dice il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, a proposito dell'emendamento sulla legge di stabilità che stanzia fondi che servono alla Sicilia per coprire il disavanzo da 1,4 miliardi. "Invito tutti alla calma - aggiunge il governatore - Dobbiamo lavorare tutti insieme. C'è ancora tempo per cercare di risolvere la questione". Crocetta è in partenza per Firenze, dove è in corso la Leopolda.

Nel caso in cui fosse confermato l'emendamento alla legge di stabilità da 900 milioni e non da 1,4 miliardi come era stato concordato tra Regione e Stato, che stanno comunque lavorando affinché sia rispetto il patto, il governatore Rosario Crocetta, spiega all'ANSA, che "esiste un piano B". "Ho già in programma un incontro con il sottosegretario Claudio De Vincenti fissato per la prossima settimana", dice Crocetta. "Io sono fiducioso - aggiunge - Stiamo facendo di tutto, assieme al governo Renzi, per trovare la giusta soluzione".

Al governatore Rosario Crocetta non piace la proposta del sottosegretario Davide Faraone di creare un'Agenzia, controllata da Stato e Regione, per prendere in carico i 22mila precari degli enti locali, "sarebbe solo un modo clientelare per affrontare la questione"", dice. "Siamo in attesa di conoscere l'emendamento alla legge di stabilità", aggiunge. E se ci sarà solo la semplice proroga, Crocetta è pronto a inserire nella finanziaria regionale per il 2016 una norma "per spingere i comuni a stabilizzare i precari subito". "Voglio accelerare la stabilizzazione - afferma il governatore - Per questo motivo ci sarà una norma che concederà incentivi per dieci anni ai comuni che nel 2016 stabilizzeranno i precari".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X