Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL PREMIER

Renzi: abbassare le tasse è giusto. Non è di destra né di sinistra

UDINE. «Sto leggendo in questi giorni la discussione se abbassare le tasse sia di destra o di sinistra. Abbassare le tasse è giusto. Punto». Lo ha detto Matteo Renzi, intervenendo alla convenzioni Danieli a Buttrio, in provincia di Udine.

«Ognuno dice la sua. Poi - dice il presidente del Consiglio - si andrà alle elezioni e con la prossima legge elettorale si saprà chi ha vinto o perso. Ma fino al 2018 anzichè parlare di valore ideologico, la questione è che gli italiani hanno pagato troppe tasse».

«Sulla scuola e sul merito o siamo in grado di investire o le prossime sfide le perdiamo», ha proseguito il premier. «La scuola italiana è molto meglio di quello che raccontiamo. Non ne posso più del piagnisteo e del vittimismo sugli italiani che non sono in grado di fare le cose. Vanno invece aiutati a fare meglio, e la scuola va messa su questa prospettiva». Renzi ha quindi sfidato «tutte le aziende a considerare la scuola non solo di proprietà di chi ci lavora, ma dei nostri figli. Oggi abbiamo invertito l'ordine. Prima i soldi si spendevano male, oggi abbiamo messo tre miliardi di euro in più ma è importante - ha concluso - buttarci l'attenzione di tutta la società».

«Sulla burocrazia non ci siamo ancora, ma la legge approvata ad agosto consente di semplificare. La legge è stata fatta - ha aggiunto - ma va attuata. Legge sulla PA è ottima, ma dipende da come l'applicheremo. Lo Stato, quando va alla conferenza servizi dovrà parlare con una sola voce, finora è una specie di terapia di gruppo dove ci si addormenta, sembra - ha concluso - una riunione degli alcolisti anonimi».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X