Sabato, 06 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Dipendenti condannati negli uffici? Verifiche sul personale ferme
SANITA' IN SICILIA

Dipendenti condannati negli uffici? Verifiche sul personale ferme

di
Scaduto il termine fissato dal governo regionale, ma non sono giunte ancora segnalazioni. Il dirigente Sammartano: «Capire se la direttiva è stata rispettata»

PALERMO. Nessuno nella sanità siciliana ad oggi avrebbe risposto. Asp e ospedali non avrebbero ancora inviato l’esito del monitoraggio richiesto dal governo sulle piante organiche, per verificare la presenza di dipendenti condannati per reati incompatibili col posto di lavoro occupato. E così domani il dirigente generale della Pianificazione strategica, Salvatore Sammartano, inizierà una contro verifica per capire se la mancata comunicazione dei dati significa che non ci sono operatori sanitari condannati o se invece gli uffici hanno disatteso l’ordine. Eppure l’indicazione era partita direttamente dal presidente della Regione, Rosario Crocetta e dall’assessore alla Salute, Lucia Borsellino. Settembre era appena iniziato e al 118 erano partite le procedure per licenziare un’ottantina di soccorritori coinvolti nelle inchieste più assurde, come il conducente di ambulanza condannato per guida in stato d’ebbrezza. Il 2 settembre era arrivato l’annuncio dell’assessore Borsellino sulla firma della direttiva specifica rivolta a ospedali e Asp: «Verificheremo la posizione di 50 mila dipendenti - aveva detto -, due mesi sono un periodo abbastanza sufficiente per portare a termine la ricognizione. I casi emersi saranno valutati uno ad uno e il licenziamento scatterà chiaramente nei casi gravi in base alle leggi esistenti».

A due mesi di distanza, però, sul tavolo del dirigente generale non sarebbero giunte ancora particolari segnalazioni. «I due mesi di tempo sono scaduti - dice Sammartano -. Chiaramente non era perentorio e vogliamo capire se semplicemente si tratta di un ritardo, se gli uffici non hanno trovato casi da segnalare o se, invece, non hanno rispettato l’indicazione del governo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X