Lunedì, 18 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Grillo lancia la corsa alle Europee, penale per chi cambia partito

Grillo lancia la corsa alle Europee, penale per chi cambia partito

Sicilia, Politica

PALERMO. Nel Movimento Cinque Stelle scatta la corsa a un posto in lista per le prossime Europee. Lo ha annunciato Beppe Grillo sul suo blog specificando quelli che sono i requisiti richiesti e il meccanismo delle primarie. La competizione introduce una novità di rilievo: chi sarà eletto firmerà un contratto col Movimento che lo obbliga a dimettersi in caso di condanna o di cambio di partito pena il pagamento di una sanzionale da 250 mila euro.
A breve sul sito di Beppe Grillo scatteranno le votazioni, nel frattempo il leader del Movimento ha indicato requisiti e modalità di votazione. Possono candidarsi tutti gli iscritti al 31 dicembre 2012 e con un documento certificato entro il 20 marzo. Stop ai diffidati e a coloro i quali sono già  in lista per le amministrative 2014. I candidati devono avere 25 anni o più al 25 maggio 2014. Sarà il voto degli attivisti sul web a decretare chi potrà correre verso Bruxelles. La consultazione coinvolgerà tutti coloro che sono iscritti al MoVimento 5 Stelle entro il 30 giugno 2013 e con documento certificato entro il 20 marzo 2014.
Si potranno esprimere tre preferenze solo per i candidati nella propria regione. Il candidato più votato della regione entrerà di diritto nelle liste finali. Gli altri candidati nella circoscrizione andranno invece a un secondo turno. In Sicilia questa possibilità sarà data a 12 persone, che per il secondo turno saranno scelte in base al numero totale di preferenze raccolte nel primo turno e votate questa volta su base circoscrizionale europea. Anche nel secondo turno si vota con tre preferenze. Saranno candidati alle elezioni europee i più votati fino a riempimento delle liste della circoscrizione dedotti i più votati nelle singole regioni al primo turno.
Nuove regole anche sulla gestione del Gruppo parlamentare e in particolare sulla comunicazione, che sarà controllata direttamente da Grillo e Casaleggio. I deputati non potranno nominare i propri familiari fra gli assistenti retribuiti direttamente dal Parlamento europeo e da altri organismi. Gli assistenti saranno scelti fra i soggetti indicati come componenti del “gruppo di comunicazione M5S” direttamente da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.
I deputati del M5S dovranno provvedere alle spese di funzionamento del gruppo di comunicazione costituendo un fondo dedicato e devolvendo i rimborsi  e i finanziamenti eventualmente erogati dall'Ufficio di Presidenza e versando personalmente un contributo di mille euro al mese.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X