Domenica, 14 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Ucraina, a Leopoli la protesta dei passeggini vuoti: «Basta bimbi uccisi»
MAMME IN GUERRA

Ucraina, a Leopoli la protesta dei passeggini vuoti: «Basta bimbi uccisi»

guerra in ucraina, Sicilia, Mondo
A Leopoli centonove passeggini vuoti distribuiti su sei file per dire basta all'uccisione di bambini

Sono centonove, ordinati in sei file, di ogni colore. Centonove passeggini vuoti che, se quel 24 febbraio non fosse mai esistito, sarebbero occupati da centonove bambini. Nella piazza del Mercato di Leopoli va in scena una protesta silenziosa e simbolica per dire a Vladimir Putin “basta». Basta, innanzitutto, con il massacro di bambini al quale in tre settimane di guerra ha assistito l’Ucraina. Perché sono 109 i bambini rimasti vittime dei bombardamenti russi. E almeno 130 sono stati feriti.
Le macerie del teatro di Mariupol, raffigurate in uno dei cartelli illustrativi installati a lato, fa da funesto titolo alla protesta messa in scena a Leopoli. Dove, a metà mattinata, strategicamente di fronte all’Ukraine Media Center, un gruppo di giovani donne ha portato silenziosamente decine e decine di passeggini di ogni modello e colore. Le carrozzine sono rimaste lì, per tutto il giorno. Un lunghissimo flash mob muto, per ricordare cosa sta accendendo nell’Est del Paese e nella capitale. Kharkiv, Kiev, la regione di Dnipro: non è solo il teatro di Mariupol a raccontare il dramma dei bambini ucraini.
«C’è Tanya, sei anni, morta di disidratazione. Ci sono i neonati lasciati nell’ospedale di Mariupol. Ci sono i bambini che non possono essere evacuati», si legge sui cartelli che raccontano l’iniziativa. In poche ore l’immagine dei 109 passeggini vuoti in piazza fa il giro del mondo. Rimbalza sui social, sui siti d’informazione. Anche il sindaco di Leopoli, Andriy Sadovyi, si ferma nel luogo della protesta. «I passeggini simboleggiano la vita di quegli angeli che ora proteggono il cielo sopra l’Ucraina», è il suo commento. E il flash mob non passa inosservato neppure in Italia. «Va interrotta questa spirare di morte, in Ucraina deve tornare la pace. Stiamo facendo un pressing diplomatico in ogni sede internazionale per una tregua umanitaria che consenta di mettere in salvo bambini, donne, intere famiglie», sottolinea su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Da Bruxelles l’europarlamentare Pina Picierno rilancia una proposta avanzata dai Dem: «Dobbiamo istituire una task force europea per la tutela dei minori profughi dall’Ucraina».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X