Martedì, 18 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Molestie e squadrismo, Facebook rimuove rete No Vax in Italia e Francia
INTERNET

Molestie e squadrismo, Facebook rimuove rete No Vax in Italia e Francia

Sicilia, Mondo
Scritte No Vax

Molestavano in massa i loro bersagli sui social media, solitamente medici, politici e giornalisti, lasciando migliaia di commenti e costringendoli a cancellare i post. Li affiancavano a svastiche e li definivano «sostenitori dei Nazisti» per aver promosso i vaccini anti-Covid e descrivevano la vaccinazione obbligatoria come «dittatura sanitaria». Una vera e propria azione di ‘squadrismò, “brigading», che ha portato Facebook a rimuovere in Italia il network No Vax chiamato ‘V_V’, composto dai mille ai duemila account. Una stretta sulla sicurezza che Meta, la società di cui fa parte il social network, ha intrapreso in diversi paesi, interfacciandosi con governi, polizia e anche altre società tecnologiche.
Il movimento anti-vaccinazione chiamato V_V ha avuto origine in Italia e in Francia, altro paese in cui Meta ha portato avanti l’operazione. Nel nostro paese un’inchiesta delle Procure di Torino e Genova, legata a questo gruppo, è sfociata nei giorni scorsi in una serie di perquisizioni. «Le persone dietro questa attività hanno fatto affidamento su una combinazione di account autentici, duplicati e falsi per commentare in massa i post di Pagine, realtà editoriali e singoli individui per intimidirli e metteli a tacere - spiegano Nathaniel Gleicher e David Agranovich, che in Meta sono a capo delle divisioni sicurezza e minacce - I nostri sistemi automatici e di revisione hanno preso provvedimenti contro i loro commenti e account, per varie violazioni dei nostri standard della community tra cui discorsi di odio, disinformazione, incitamento alla violenza, bullismo e molestie». In particolare la rete rimossa in Italia, spiega la società, faceva attività di «brigading», squadrismo, coordinandosi «per commentare in massa, postare massa per molestare o mettere a tacere altre persone».
La rete V_V - sottolineano Gleicher e Agranovich - ha molestato in massa le persone sui social media tra cui Facebook, YouTube, Twitter e VKontakte, ma è Telegram la piattaforma usata maggiormente per coordinare gli attacchi. «In genere - osservano - i commenti sui social includevano link ai loro canali Telegram dove questo gruppo avrebbe addestrato i suoi membri ad aggirare i controlli e a lavorare insieme contro i loro obiettivi utilizzando video, audio e interviste dal vivo, così come coordinandosi per attaccare in massa persone e pagine specifiche. Questi account, poi, si riversavano sempre in massa sui post del loro bersaglio per lasciare decine, in alcuni casi decine di migliaia, di commenti. Nel tentativo di aggirare i controlli sui contenuti, commentavano e non postavano, alterando le parole o utilizzando un linguaggio in codice. E molti degli account gestiti da ogni operatore avevano lo stesso numero identificativo nella loro bio, probabilmente per tener traccia facilmente di chi stava gestendo le attività all’interno della rete».
Meta spiega, infine, che vengono rimossi gli account perchè associati all’azione di ‘brigading’, cioè le molestie di massa, ma non sono «bannati tutti i contenuti di V_V». «Continuiamo a monitorare la situazione - conclude la scoietà - e prenderemo provvedimenti qualora rilevassimo ulteriori violazioni, per prevenire gli abusi sulla nostra piattaforma e proteggere le persone che utilizzano i nostri servizi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X