Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Il Papa in Iraq: "La libertà di religione è un diritto intoccabile"
CHIESA

Il Papa in Iraq: "La libertà di religione è un diritto intoccabile"

«Dio che chiamò Abramo da Ur dei Caldei vide cristiani, ebrei e musulmani insieme ai fratelli delle altre religioni». Lo ha detto Papa Francesco nel corso dell’incontro interreligioso di Ur dei Caldei.

«Noi siamo il frutto di quella chiamata e di quel viaggio. Dio chiese ad Abramo di alzare lo sguardo al cielo e di contarvi le stelle. In quelle stelle vide la promessa della sua discendenza, vide noi. E oggi noi, ebrei, cristiani e musulmani, insieme con i fratelli e le sorelle di altre religioni, onoriamo il padre Abramo facendo come lui: guardiamo il cielo e camminiamo sulla terra», sono state le sue parole.

«Contemplando dopo millenni lo stesso cielo, appaiono le medesime stelle. Esse illuminano le notti più scure perchè brillano insieme. Il cielo ci dona così un messaggio di unità: l’Altissimo sopra di noi ci invita a non separarci mai dal fratello che sta accanto a noi», ha aggiunto, «L'Oltre di Dio ci rimanda all’altro del fratello. Ma se vogliamo custodire la fraternità, non possiamo perdere di vista il Cielo. Noi, discendenza di Abramo e rappresentanti di diverse religioni, sentiamo di avere anzitutto questo ruolo: aiutare i nostri fratelli e sorelle a elevare lo sguardo e la preghiera al Cielo. Tutti ne abbiamo bisogno, perchè non bastiamo a noi stessi. L’uomo non è onnipotente, da solo non ce la può fare».

«Di fronte al terrorismo non si può tacere, la libertà di religione e di coscienza per tutti sono un diritto» ha affermato Papa Francesco, ricordando dalla piana di Ur dei Caldei il massacro degli yazidi dell’Iraq.

«Da questo luogo sorgivo di fede, dalla terra del nostro padre Abramo, affermiamo che Dio è misericordioso e che l’offesa più blasfema è profanare il suo nome odiando il fratello. Ostilità, estremismo e violenza non nascono da un animo religioso: sono tradimenti della religione», ha sottolineato nel corso della preghiera comune con le religioni del paese mediorientale, «E noi credenti non possiamo tacere quando il terrorismo abusa della religione. Anzi, sta a noi dissolvere con chiarezza i fraintendimenti. Non permettiamo che la luce del Cielo sia coperta dalle nuvole dell’odio».

«Sopra questo Paese si sono addensate le nubi oscure del terrorismo, della guerra e della violenza. Ne hanno sofferto tutte le comunità etniche e religiose. Vorrei ricordare in particolare quella yazida, che ha pianto la morte di molti uomini e ha visto migliaia di donne, ragazze e bambini rapiti, venduti come schiavi e sottoposti a violenze fisiche e a conversioni forzate», ha aggiunto, «Oggi preghiamo per quanti hanno subito tali sofferenze, per quanti sono ancora dispersi e sequestrati, perchè tornino presto alle loro case. E preghiamo perchè ovunque siano rispettate e riconosciute la libertà di coscienza e la libertà religiosa: sono diritti fondamentali, perchè rendono l’uomo libero di contemplare il Cielo per il quale è stato creato».

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X