Martedì, 13 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo L'Italia blocca l'export del vaccino AstraZeneca in Australia, la replica: "Comprensibile, grave crisi"
LA PANDEMIA

L'Italia blocca l'export del vaccino AstraZeneca in Australia, la replica: "Comprensibile, grave crisi"

Il primo ministro australiano ha minimizzato l’impatto della decisione dell’Italia di bloccare l'esportazione di 250.000 dosi di vaccino Covid-19 che dovrebbero essere consegnate all’Australia. Scott Morrison ha insistito sul fatto che il blocco della spedizione AstraZeneca sarebbe comprensibile e non avrebbe influenzato il programma vaccinale australiano.

"Questa particolare spedizione non era quella su cui avevamo fatto affidamento per il lancio, e quindi continueremo senza sosta", ha detto. L'Italia ha spiegato il divieto di esportazione come necessario a causa della carenza di vaccini nell’Europa colpita da virus e della mancanza di urgenza nell’Australia che, relativamente, ha una diffusione del Covid molto bassa.

"In Italia, le persone muoiono al ritmo di 300 al giorno. E quindi posso certamente capire l’alto livello di ansia che esiste in Italia e in molti paesi in tutta Europa. Sono in una situazione di crisi sfrenata. Questa non è la situazione in Australia", ha aggiunto Morrison. Anche l’ufficiale medico capo australiano, Paul Kelly, ha espresso solidarietà: "Mia sorella vive in Italia. Al momento hanno 18.000 casi al giorno". L

a Commissione europea ha aspramente criticato AstraZeneca, una società anglo-svedese, per aver fornito solo una frazione delle dosi di vaccino che aveva promesso di fornire. Eppure, il divieto di esportazione in Italia ha riacceso le accuse di "nazionalismo dei vaccini", che Morrison ha respinto. L'Australia ha ricevuto finora 300.000 dosi di vaccino AstraZeneca e le prime sono state somministrata al personale in prima linea nel contenimento del virus. Quel lotto, insieme alle forniture del vaccino Pfizer, dovrebbe durare fino a quando la produzione interna non sarà aumentata alla fine del mese.

La società farmaceutica concorrente CSL sta producendo il vaccino di AstraZeneca in Australia dopo che il suo stesso candidato non ha concluso con successo le prove. In totale, si prevede che in Australia verranno prodotte circa 50 milioni di dosi. "La produzione interna inizia con un milione (dosi) a settimana di consegne a partire dalla fine di marzo ed è sulla buona strada", ha detto all’Afp un portavoce del ministero della Salute australiano.

Morrison ha dichiarato che tale quantità ha dato all’Australia "la sovranità sul nostro programma di vaccinazione, che penso sia incredibilmente importante". Sebbene l’Australia abbia approvato i vaccini più tardi rispetto alla maggior parte dei paesi, mira a vaccinare la stragrande maggioranza della popolazione adulta entro ottobre di quest’anno. Il paese ha circa 25 milioni di abitanti e ha avuto oltre 25.000 casi di coronavirus dall’inizio della pandemia con circa 900 morti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X