Mercoledì, 19 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Iraq, proteste e scontri davanti all'ambasciata Usa
BAGHDAD

Iraq, proteste e scontri davanti all'ambasciata Usa

I manifestanti inferociti per i raid Usa di domenica contro diverse strutture di una milizia sciita filo-iraniana al confine tra Iraq e Siria hanno assaltato l’ambasciata americana a Baghdad, riuscendo a penetrare all’interno del compound. L’ambasciatore e lo staff sono stati evacuati, mentre sono stati sparati gas lacrimogeni per respingere i manifestanti.

Domenica scorsa il Pentagono ha ordinato un’operazione contro cinque basi di Kataib Hezbollah al confine tra Iraq e Siria, come ritorsione per i recenti attacchi missilistici contro interessi americani nella regione, in particolare il lancio venerdì scorso di oltre 30 razzi contro una base Usa a Kirkuk che ha causato la morte di un contractor statunitense.

Il premier iracheno, Adel Abdul Mahdi, ha chiesto ai manifestanti di «lasciare l’area del campound dell’ambasciata americana a Baghdad». I manifestanti, filo-iraniani, avevano dichiarato che non ne sarebbero andati fino a quando non verrà definitivamente chiusa l’ambasciata.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X