Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
POLEMICHE

Dazi, Cina: "Lo scontro non ha rifatto grande l'America"

La rapida escalation della guerra commerciale non ha "fatto di nuovo grande l’America", usando lo slogan di Donald Trump, ma ha danneggiato l’economia Usa: il libro bianco cinese sul contenzioso commerciale con Washington, diffuso oggi, rimarca che "la sovranità e la dignità di un Paese devono essere rispettate e qualsiasi accordo raggiunto dalle due parti deve basarsi su uguaglianza e beneficio reciproco".

La Cina, ad ogni modo, vuole "una soluzione attraverso il dialogo, ma non accetterà compromessi sui principi primari".

"I dazi americani non hanno dato slancio all’economia. Invece, l’hanno seriamente danneggiata", sottolinea il rapporto presentato in otto lingue come la lettura cinese dello scontro con Washington, finalizzata a contrastare i richiami di Donald Trump alle difficoltà accusate da Pechino. Negli Usa, invece, sono saliti «i costi della produzione e i prezzi al consumo minacciando la crescita dell’economia".

La rottura dei colloqui sono da "addebitare solo e interamente agli Usa" per il continuo cambio di richieste e le accuse "incaute". I negoziati sono saltati un mese fa e la parte americana ha accusato Pechino di una "brusca inversione": il testo d’accordo faticosamente raggiunto di 150 pagine è ritornato a Washington nel formato ridotto di 105, con interi capitoli stracciati.

"Qualsiasi cosa il futuro possa portare, la Cina è fiduciosa di poter affrontare le sfide, trasformando rischi in opportunità e aprendo nuovi capitoli. La Cina resta impegnata alla sua causa e non importa quanto l’ambiente esterno possa cambiare: c'è spazio sufficiente per manovre fiscali e monetarie". ANSA

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X