Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Fmi: l'Italia sarà ai livelli pre-crisi dopo il 2020
CRESCITA

Fmi: l'Italia sarà ai livelli pre-crisi dopo il 2020

NEW YORK. La ripresa di Eurolandia si sta rafforzando: l'outlook di breve periodo è ''favorevole'' con una crescita prevista all'1,9% nel 2017 e all'1,7% nel 2018. Lo afferma il Fmi nell'Article Iv per l'area euro, sottolineando però che nel medio e lungo termine restano ''significativi'' rischi al ribasso, fra i quali la strutturale debolezza del sistema bancario e il possibile erodersi dell'appoggio politico all'integrazione europea. Per il 2019 e 2020 il Fmi stima una crescita dell'1,6%, mentre per il 2020 e 2021 dell'1,5%.

Per quanto riguarda il pil italiano tornerà ai livelli pre-crisi alla metà degli anni 2020. E si sottolinea che gli effetti della crisi sull'Italia sono stati più persistenti che in paesi quali la Germania, dove il pil è già ben al di sopra dei livelli pre-crisi. ''La crescita dell'area euro continuerà nel breve termine. La Germania e la Spagna resteranno i motori di crescita, mentre l'Italia e la Francia beneficeranno della ripresa'' mette in evidenza il Fmi.

E spiega che'Italia, così come la Francia e il Portogallo, dovrebbe approfittare dell'attuale ripresa per avviare il debito su una traiettoria di riduzione. E dovrebbe continuare sulla strada delle riforme, con priorità all'aumento della concorrenza nei mercati dei servizi e dei prodotti e a una maggiore efficienza del settore pubblico.

La flessibilità prevista dal Patto di Stabilità può e dovrebbe essere usata per ''incentivare credibili riforme strutturali'': l'Italia si è avvalsa di questa flessibilità nel 2016. Così il Fmi nell'Article IV di Eurozona, aggiungendo che ''in tutti i casi la credibilità è centrale'''. ''Tutti i paesi euro dovrebbero procedere verso un riequilibrio di bilancio'' che favorisca la crescita. ''L'Italia per esempio potrebbe razionalizzare le spese fiscali, ampliare la base imponibile e attuare una tassa moderna su proprietà immobiliari per ridurre il cuneo fiscale''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X