Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Trump lavora al conflitto d'interessi, faro sulle azienda di famiglia
USA

Trump lavora al conflitto d'interessi, faro sulle azienda di famiglia

NEW YORK. Un'azienda di famiglia e un 'fortino' di fedelissimi che opera con pratiche non standard che riflettono la cultura di Donald Trump. Dopo aver dissolto la fondazione di famiglia, Trump lavora a risolvere il conflitto di interessi della Trump Organization: un'operazione non facile, con tutti gli accordi siglati che portano la firma del presidente eletto.

A scavare nell'organizzazione è il New York Times, secondo il quale i dipendenti del gruppo sono 4.000 a livello mondiale e solo 150 nel quartier generale alla Trump Tower. Fra i fedelissimi ci sono Matthew Calamari, il chief operating officer della società, e Alan Gartner, il consigliere legale.

Secondo le prime indicazioni emerse, Trump sarebbe intenzionato a rimuovere Ivanka dall'organizzazione e a lasciare la gestione dell'impero ai figli Eric e Donald Jr. Ma non è ancora chiaro come intenda districarsi dagli investimenti in oltre 500 società.

"Per avere successo nel gruppo bisogna essere preparati, devoti e fedeli", afferma Gartner. In ogni accordo l'ultima parola è di Trump. "Nell'assumere decisioni su partnership, nulla è deciso da un comitato o da raccomandazioni scritte", mette in evidenza il New York Times, descrivendo le modalità operative del gruppo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X