Mercoledì, 25 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo "Uccise il marito", prima donna condannata a morte in Palestina
A GAZA

"Uccise il marito", prima donna condannata a morte in Palestina

GAZA. Fa clamore a Gaza la condanna a morte emessa ad ottobre nei confronti di una donna di 26 anni, Nahla Abu Anza, giudicata colpevole della uccisione del marito avvenuta nel gennaio scorso.

Ieri il tribunale distrettuale di Khan Yunes (a sud di Gaza) ha discusso un appello e si è astenuto per ora dal fissare una data per la esecuzione della sentenza.

La esecuzione capitale di una donna è finora senza precedenti nella storia dell'Autorità nazionale palestinese e anche negli anni di gestione autonoma di Gaza da parte di Hamas.

Nel frattempo cercano di intercedere a favore della donna personalità di spicco, fra cui Hanan Ashrawi, e Ong dedite alla difesa dei diritti civili.

Queste ultime sostengono che Nahla Abu Anza non ha beneficiato di difese adeguate e che la severità della pena stabilita nel suo caso non è paragonabile alle condanne emesse nei confronti di uomini colpevoli di uxoricidio.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X