Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Usa 2016, la carta di Hillary: "Sovrattassa ai ricchi"
VERSO LE ELEZIONI

Usa 2016, la carta di Hillary: "Sovrattassa ai ricchi"

NEW YORK. Incalzata dalle proposte di sinistra del suo principale rivale nella corsa alla Casa Bianca, Bernie Senders, con cui è testa a testa nei sondaggi nei due Stati in cui partiranno le primarie democratiche, Hillary Clinton gioca la sua carta fiscale contro i ricchi per accattivarsi la determinante classe media: la proposta, lanciata durante la sua campagna in Iowa, è quella di una sovrattassa del 4% per chi guadagna più di 5 milioni di dollari l'anno.

Un livello, sottolinea il Washington Post, che non si vedeva da 30 anni e che va oltre la cosiddetta Buffet rule, la proposta dell'investitore Warren Buffet - abbracciata da Barack Obama - di applicare una tassa minima del 30% a chi ha un reddito lordo di oltre due milioni di dollari. «Voglio attuare la Buffet rule: avere la certezza che c'è una tassa minima da pagare», ha spiegato la Clinton.

«Voglio andare oltre e imporre ciò che io chiamo una giusta quota di sovrattassa ai multimilionari perchè ora siamo indietro e dobbiamo fare in modo che i ricchi e le società paghino più della loro giusta quota», ha aggiunto. I tassi che colpiscono i redditi più elevati raggiungono il 39,6% negli Usa ma grazie a vari escamotage finanziari i contribuenti più ricchi sono spesso tassati meno: i 400 americani che hanno guadagnato di più nel 2013 hanno pagato in media il 23% di tasse, secondo il team della Clinton, che cita il fisco americano

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X