Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Aereo russo, satellite Usa: "Rilevato un lampo di calore"
IPOTESI DEL DISASTRO

Aereo russo, satellite Usa: "Rilevato un lampo di calore"

MOSCA. Un satellite Usa ha rilevato un lampo di calore al momento dell'incidente dell'aereo russo nel Sinai. Lo riferisce la Cnn, che cita un funzionario americano a conoscenza dell'inchiesta. I servizi segreti americani e funzionari militari stanno analizzando i dati per determinare se il lampo si sia verificato a mezz'aria o sul terreno. Secondo gli esperti, il lampo di calore potrebbe essere legato a una serie di possibilita': il lancio di un missile, l'esplosione di un ordigno o di un motore difettoso, un problema strutturale che ha causato un incendio sull'aereo o i rottami che hanno colpito il suolo.

"Il numero dei lampi di calore e' fondamentale", ha detto l'analista dell'aviazione Usa, Miles O'Brien. "Se uno solo e' stato rilevato, questo in qualche modo potrebbe allontanare il lancio di un missile e portare all'idea di un'esplosione a bordo dell'aereo", ha aggiunto.

'Nessun guasto tecnico, nè errore umano'. La parola terrorismo non viene pronunciata, ma sulla sciagura dell'A321 precipitato nel Sinai il Cremlino non esclude alcuna ipotesi. Dal Cairo, il gruppo che sta analizzando la scatola nera del velivolo, spiega che l'aereo non è stato colpito dall'esterno ed il pilota non ha lanciato nessuna richiesta di soccorso. Non sono state trovate tracce di esplosivo sui frammenti finora studiati dell'aereo russo precipitato nella penisola del Sinai. Lo fa sapere una fonte al Cairo citata dall'agenzia russa Ria Novosti precisando che comunque le ricerche continuano.

Le squadre di ricerca lavorano su un'area estesa a 30 kmq nella zona del Sinai in cui si trovano i frammenti dell'aereo russo spaccatosi in aria e i resti delle vittime. Il direttore della National Intelligence Usa, James Clapper, non esclude un atto di terrorismo in riferimento all'aereo russo precipitato nel Sinai con 224 passeggeri a bordo. "Non abbiamo ancora prove dirette di un coinvolgimento di terroristi", ma non lo escludo, ha detto Clapper parlando con i giornalisti a Washington. Alla domanda se l'Isis, che ha rivendicato la responsabilità nell'attentato, poteva avere la capacita' di abbattere l'aereo, Clapper ha risposto: "E' improbabile, ma non lo escludo".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X