Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Volkswagen: ad aprile avvertì i proprietari delle auto diesel su test emissioni
LO SCANDALO

Volkswagen: ad aprile avvertì i proprietari delle auto diesel su test emissioni

ROMA. Nell'aprile scorso, Volkswagen ha inviato ai proprietari californiani di vetture diesel per informarli della necessità di "un richiamo per problemi di emissioni". E' quanto si legge sul sito internet di Reuters, in cui si spiega che ai proprietari di auto Volkswagen e Audi è stato chiesto di portare le loro auto ad un concessionario per l'installazione di un nuovo software che assicurasse che le emissioni fossero "ottimizzate per renderle efficienti".
"Serve un nuovo inizio ma non ho mai fatto niente d'illegale": con queste parole Winterkorn, l'ad di Volkswagen dimessosi ieri. Tolleranza zero di Bruxelles, che chiede a tutti i paesi Ue di aprire indagini sulle emissioni. Berlino nega di essere stata a conoscenza della manipolazioni.
Volkswagen ha bisogno di un "nuovo inizio", dopo il tracollo della fiducia seguito allo scandalo delle manipolazioni dei motori diesel negli Usa. E questa 'partenza' passa per le dimissioni del suo amministratore delegato, Martin Winterkorn, annunciate a metà pomeriggio dal presidio del colosso tedesco.
La reazione dei mercati è stata, come prevedibile, immediata: ieri il titolo è balzato fino al 9%, per poi chiudere con un +5%, e un recupero di 3,3 miliardi. Una boccata d'ossigeno, dopo giornate nere in Borsa, dove era in picchiata.
Il marchio resta comunque sotto forte pressione: l'agenzia di rating americana Fitch lo ha messo sotto osservazione, con possibili tagli in vista per i danni alla reputazione.
"Non ho avuto comportamenti sbagliati, ma ho rassegnato le mie dimissioni nell'interesse dell'azienda", ha spiegato invece Winterkorn dopo che il presidio aveva annunciato il suo passo indietro, comunicando di averlo "accettato con rispetto".
Alla stampa si sono presentati tutti e cinque i membri del formato ristrettissimo che ieri ha incontrato Winterkorn a Wolfsburg, per capire quale fosse la via d'uscita in una situazione delicata: il presidente ad interim del consiglio di sorveglianza, Berthold Huber, il governatore della Bassa Sassonia, Stephan Weil, il rappresentante dei grandi azionisti, Wolfgang Porsche, e il capo del consiglio di fabbrica, Bernd Osterloh, col braccio destro Stefan Wolf. Insieme hanno fatto presente che Volkswagen "ha bisogno di un nuovo inizio", dopo il caso che ha provocato "al di là dei danni economici non ancora calcolati" una grave "perdita della fiducia".
Le manipolazioni sono un reato e vanno perseguite come tali, hanno aggiunto annunciando una commissione esterna per le indagini sulle responsabilità. L'ad, dal canto suo, stavolta è espresso in uno statement scritto: senza esporsi pubblicamente come nei giorni scorsi, quando aveva porto ai clienti, alle istituzioni, agli inquirenti, le sue scuse "in tutti i modi".
"Sono desolato si quello che è accaduto, e soprattutto sono esterrefatto della circostanza che nell'azienda si potesse arrivare a errori di questa portata", ha sottolineato. "Volkswagen è e resta la mia vita" ha aggiunto poi in queste ultime poche righe, mettendo a nudo tutto il rammarico della decisione di "liberare la strada per un nuovo inizio" ora necessario. Venerdì avrebbe dovuto vedere ufficializzata la proroga del suo contratto per altri due anni.
Fra due giorni il consiglio discuterà a questo punto del successore: in pole position c'è il capo della Porsche Martthias Mueller, il cui nome era già circolato ieri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X