Domenica, 17 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Strage di Tunisi, un arresto in Italia Era arrivato in Sicilia su un barcone
TERRORISMO

Strage di Tunisi, un arresto in Italia
Era arrivato in Sicilia su un barcone

E' stato arrestato nel Milanese perchè ritenuto coinvolto nella strage al Museo del Bardo a Tunisi

MILANO. Un cittadino nordafricano di 22 anni, presumibilmente marocchino, è stato arrestato nel Milanese perchè ritenuto coinvolto nella strage al Museo del Bardo a Tunisi. Si chiama Touil Abdelmajid, ed era già stato identificato nel febbraio 2015 a Porto Empedocle dopo essere arrivato con un barcone con altre 90 persone.

Il marocchino arrestato era ricercato a livello internazionale dalle autorità Tunisine che lo ritengono coinvolto nell'attentato costato la vita a 24 persone, tra cui quattro italiane. È stato catturato dalla Digos a Gaggiano (Milano) ieri sera.

È stato arrestato dalla Digos della Polizia e dal Ros dei Carabinieri il giovane marocchino ritenuto coinvolto nella strage al Museo del Bardo a Tunisi. È stato bloccato in esecuzione di un mandato di cattura internazionale dell'autorità giudiziaria tunisina con le accuse di omicidio, sequestro di persona a mano armata e adesione a una organizzazione terroristica.

Il marocchino arrestato a Gaggiano, nel Milanese, in quanto ritenuto del gruppo che ha messo a segno l'attentato al museo del Bardo è irregolare ed è stato trovato in un'operazione congiunta di Ros e Digos presso dei parenti che
invece hanno un permesso di soggiorno. Carabinieri e polizia hanno eseguito un provvedimento dell'Autorità giudiziaria tunisina.

Dopo essere sbarcato il 17 febbraio scorso, aveva ricevuto un'ordine di espulsione. È questa l'unica traccia del presunto terrorista in Italia. Secondo le accuse e la ricostruzione degli investigatori Touil Abdelmajid sarebbe poi tornato nel proprio Paese per compiere l'attentato del 18 marzo. Il 22enne è stato preso in un appartamento di in una palazzina in via Pitagora, a Gaggiano
(Milano) che condivideva con madre e due fratelli.

Dalla Procura di Tunisi il 22enne marocchino arrestato è ritenuto responsabile della pianificazione e dell'esecuzione materiale dell'attentato al Bardo. In casa sua, in via Pitagora, a Gaggiano (Milano) gli investigatori della Digos hanno trovato e sequestrato del materiale che sarà analizzato dall'intelligence.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X