Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Scontri con polizia, scatta coprifuoco e a Baltimora torna la normalità
STATI UNITI

Scontri con polizia, scatta coprifuoco e a Baltimora torna la normalità

BALTIMORA. Sembra un'altra città rispetto a 24 ore fa. Baltimora, poco dopo l'entrata in vigore del coprifuoco questa notte, sembra essere tornata alla normalità. Di sicuro alla calma, rispetto alle scene da guerriglia urbana di lunedì, dopo il funerale di Freddie Gray, il 25enne afroamericano morto una settimana dopo essere stato arrestato.

Sono circa 10 gli arresti effettuati dall'inizio del coprifuoco alle 22 locali(fino alle 5 del mattino), con alcuni manifestanti rimasti per le strade anche dopo che il divieto di circolazione era scattato. La città intera èstata presidiata dalla polizia e dalla guardia nazionale accorsa ad affiancarla on 2000 unità dispiegate fin nel centro di Baltimora. Nell'epicentro delle proteste, nella zona ovest della città ed in particolare all'intersezione simbolo del culmine delle violenze, tra Pennsylvania Avenue e North Avenue, la tensione è montata quando gli agenti in tenuta antisommosa hanno risposto con lacrimogeni al lancio di alcuni oggetti. Sono poi avanzati fino ad evacuare l'intera zona. Mentre sono comparsi, minacciosi, anche alcuni mezzi delle forze dell'ordine con i cannoni ad acqua pronti ad entrare in azione.

La folla aveva cominciato a radunarsi fin dalla mattina davanti al CVS,l'emporio devastato nei disordini diventato simbolo delle violenze,con molti membri della comunità locale accorsi armati di scope e palette per «ripulire»la città. Poi, al grido di «no giustizia, no pace», fino al tramonto si sono susseguite diverse marce spontanee mentre la polizia in assetto antisommossa rimaneva immobile a presidiare la zona. Per molti ieri è stata infatti un'occasione per altre dimostrazioni pacifiche, in serata anche con balli in strada e musica, ma sorvolati costantemente dagli elicotteri della polizia. Come a ricordare che la tensione resta alta e i nervi sono a fior di pelle.  Ci si chiede adesso come si sveglierà Baltimora e se davvero -come appare in queste ore- la spirale di violenza è stata spezzata.

Giornata chiave sarà venerdì, quando le autorità locali si sono impegnate a diffondere un rapporto sulle circostanze della morte di Freddie Gray, mentre  il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha aperto ufficialmente un'inchiesta, lo ha annunciato - secondo quanto rende noto la casa Bianca - il neo ministro della giustizia Loretta Lynch.  L'ombra della iolenza però resta, e non solo a Baltimora:  una persona è rimasta leggermente ferita da un colpo di pistola esploso a Ferguson, in Missouri, nel corso di una manifestazione in solidarietà con la conunità afroamericana di Baltimora,mentre proteste con decine di arresti sono esplose anche in altre città, come Detroit e Chicago.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X