Giovedì, 21 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
SULLE ALPI

Aereo caduto, riprese le ricerche
Squadra specializzata per trovare corpi

La tragedia del volo Barcellona-Dusseldorf si è consumata in alta montagna, tra Digne-Les-Bains e Barcellonette in una zona impervia, accessibile solo a piedi o con l'ausilio degli elicotteri

SYENE-LES-ALPES. Sono riprese alle prime luci del giorno le operazioni sul massiccio dei Trois-Eveches, in Alta Provenza, sulle Alpi francesi al confine con l'Italia, dove ieri si è schiantato l'Airbus A320 della Germanwings con a bordo 150 persone, tutte morte. Recuperata una delle scatole nere dell'aereo, soccorritori e forze dell'ordine sono impegnate ora nel difficile recupero di indizi che possano far luce sulle cause della tragedia. Nonostante il buio e le precipitazioni della notte, in quota è rimasta anche una squadra specializzata nell'individuazione delle vittime dell'incidente. In giornata è atteso l'arrivo al campo base di Syene-Les-Alpes del presidente francese Francois Hollande, che accoglierà la cancelliera tedesca Angela Merkel e il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy.

Scatola nera danneggiata. La scatola nera contenente le registrazioni delle conversazioni all'interno della cabina di pilotaggio dell'aero Germanwings precipitato ieri in Francia risulta danneggiata: lo ha detto il ministro francese dell'Interno, Bernard Cazeneuve.

Anche se danneggiata, si ritiene che la scatola nera sia comunque "utilizzabile", ha detto il ministro nel corso di un'intervista alla radio Rtl. Cazeneuve ha aggiunto che gli investigatori sono già al lavoro per recuperare informazioni dalla scatola nera.

L'Ufficio analisi e inchieste (Bea) sugli incidenti aerei terrà una conferenza stampa a Parigi intorno alle 16. Gli inquirenti hanno ritrovato ieri una prima scatola nera con le conversazioni dei piloti all'interno della cabina e sono ancora alla ricerca della seconda. La tragedia del volo Barcellona-Dusseldorf si è consumata in alta montagna, tra Digne-Les-Bains e Barcellonette in una zona impervia, accessibile solo a piedi o con l'ausilio degli elicotteri.  In quella che è una delle peggiori catastrofi aeree della storia dell'aviazione civile europea i morti confermati sono 150 tra passeggeri e personale di bordo.

Il presidente americano Barack Obama ha parlato al telefono con il premier spagnolo Mariano Rajoy per esprimere «le sue condoglianze e quelle del popolo americano» per le persone morte sull'aereo della Germanwings precipitato in Francia. Lo riferisce la Casa Bianca, aggiungendo che Obama «ha offerto al presidente Rajoy la piena assistenza» degli Usa «per far fronte a questa tragedia».

Intanto, il rifiuto di volare da parte di alcuni equipaggi della compagnia Germanwings non sembra aver sorpreso i vertici della filiale Lufthansa: «Comprendiamo questa decisione», ha commentato infatti Thomas Winkelmann, direttore generale di Germanwings, in una nota. A causa della scelta degli equipaggi, decine di voli sono stati cancellati a Duesseldorf, Stoccarda, Colonia, Berlino Tegel, e Lipsia/Halle. Secondo la compagnia è insomma comprensibile che in una giornata come quella di oggi ci siano stati equipaggi che non si sono sentiti in grado di affrontare il loro lavoro. E anche il numero uno del sindacato dei piloti Cockpit, Markus Wahl, ha commentato in questi termini la decisione: «È un lavoro che va affrontato se ci si sente in forma, fisicamente e psicologicamente», ha detto parlando a un'emittente tv tedesca.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X