Martedì, 20 Agosto 2019
IN CALIFORNIA

Non riesce a salvare un paziente: il dolore di un medico in una foto

Una foto che esprime a pieno un dolore troppo grande da sopportare anche per chi con la morte si confronta quasi quotidianamente: la disperazione e il senso di impotenza per non aver potuto salvare la vita a un paziente di soli 19 anni

CALIFORNIA. Una foto che esprime a pieno un dolore troppo grande da sopportare anche per chi con la morte si confronta quasi quotidianamente: la disperazione e il senso di impotenza per non aver potuto salvare la vita a un paziente di soli 19 anni. È quella di un medico di Pronto Soccorso che lavora presso il Servizio di medicina d'urgenza in California, negli Stati Uniti, pubblicata dai paramedici sul sito di social news Reddit e che in breve ha fatto il giro del web.

Il medico, che indossa un camice bianco, è accovacciato sul ciglio di una strada di notte con il capo reclinato e una mano appoggiata a un muro, quasi a voler 'sostenerè così il dolore per qualcosa di troppo difficile da sopportare. Chi ha postato la foto scrive: «Anche se questo è un evento comune nel nostro lavoro, i pazienti perdiamo sono tipicamente anziani, malati, o una combinazione delle due cose. Il paziente che è morto aveva 19 anni e per lui era una di quelle chiamate che a volte riceviamo e che per questo ti colpiscono» . Quasi 4300 i commenti ricevuti da parte degli utenti per questa immagine,ripresa anche da diversi media: tra questi quello di un altro medico, che scrive: «Io so esattamente come si sente il dottore nella foto. Nonostante l'immagine mostri un momento buio mi fa davvero sentire più felice della mia scelta di carriera. Penso che il senso di connessione degli utenti con un dottore sconosciuto dia pienamente il senso che quello che facciamo conta davvero».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X