Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Nemtsov, a Mosca la piazza sfida Putin: "Non abbiamo paura"
RUSSIA

Nemtsov, a Mosca la piazza sfida Putin: "Non abbiamo paura"

La manifestazione per ricordare il rivale politico del leader del Cremlino freddato a colpi di pistola venerdì notte a pochi passi dalla piazza Rossa

MOSCA. L'opposizione russa torna a sfidare Vladimir Putin. Decine di migliaia di persone - probabilmente più delle 21mila stimate dalla polizia - hanno sfilato questo pomeriggio per le vie del centro di Mosca per ricordare Boris Nemtsov, il rivale politico del leader del Cremlino freddato a colpi di pistola venerdì notte a pochi passi dalla piazza Rossa. Il delitto - di cui non si conoscono al momento esecutori nè mandanti - ha fatto indignare l'Occidente (il premier Matteo Renzi deporrà un fiore sul luogo dell'agguato quando si recherà a Mosca il 4 e il 5 marzo) ma ha anche fatto calare una tetra nube di sospetti sul presidente russo. Molte delle persone che hanno partecipato al corteo di oggi, nel corso del quale, secondo i media, sarebbero state arrestate 50 persone, accusano infatti proprio lo 'zar' per l'omicidio di Nemtsov.

«Non abbiamo paura», scandivano in coro alcuni manifestanti. «Chi è il prossimo? In prigione o direttamente nella bara?», recitava uno striscione.  Ma il Cremlino respinge ogni accusa. Ieri Vladimir Putin ha definito l'omicidio «una provocazione» e il suo portavoce ha precisato che Nemtsov non rappresentava una minaccia a livello politico per l'uomo forte di Mosca. Come dire che il Cremlino non aveva alcun interesse a farlo fuori. Ma il presidente ucraino Petro Poroshenko ha puntato il dito contro Putin, sostenendo che Nemtsov «doveva presentare prove convincenti della partecipazione delle forze armate russe» nel conflitto nel Donbass.  Un'ipotesi tutta da verificare, ma che oggi è stata ribadita da un altro leader dell'opposizione russa: Ilia Iashin che ha parlato senza mezzi termini di «un omicidio politico volto a intimorire quella parte della popolazione che sosteneva Nemtsov e si opponeva al governo».

Tra tanti tricolori russi stilati a lutto e qualche bandiera ucraina, il popolo dell'opposizione ha fatto sentire la sua voce criticando il «regime» di Putin, la supposta presenza di soldati russi nel sud-est ucraino e il braccio di ferro delle sanzioni con l'Occidente che - assieme al crollo del prezzo del petrolio - sta mettendo in ginocchio l'economia russa. Il corteo è partito verso le 15 dal quartiere di Kitai Gorod ed è passato dal ponte Bolshoi Moskvoretski, proprio dove è stato ucciso Nemtsov. È per questo che molti dei dimostranti avevano in mano mazzi di rose o garofani da lasciare sul luogo dell'assassinio che ha scosso l'intera Russia. Mentre altri stringevano ritratti dell'oppositore. «Nemtsov ha sempre lottato per noi, per liberare la Russia dalla tirannia di Putin», racconta Serghiei, 27 anni. Ma il giovane non crede che l'ex vice premier sia stato ucciso perchè stava lavorando a un dossier sui soldati russi in Ucraina: «È già chiaro a tutti che nel Donbass ci sono militari russi, e anche armi russe. Non c'è più niente da scoprire. Nemtsov è stato fatto fuori perchè dava fastidio al governo». Tatiana, 60 anni, sfila con un'amica, e - al contrario di molti suoi connazionali - è contraria all'annessione della Crimea: «Esiste un diritto internazionale, e va rispettato - spiega -. Russi e ucraini sono fratelli, ma adesso per colpa di Putin ci facciamo la guerra».

E proprio «No alla guerra!» era uno dei tanti slogan scanditi dai manifestanti. Intanto - mentre gli inquirenti hanno promesso 48mila dollari a chi fornirà loro delle dritte che li conducano ai responsabili dell'omicidio - l'emittente russa TvTse ha trasmesso un presunto filmato del momento dell'uccisione di Boris Nemtsov. Stando alle immagini (a bassa risoluzione), il killer avrebbe atteso Nemtsov sul ponte Bolshoi Moskvoretski, forse nascondendosi sulle scale. Poi, una volta compiuto l'assassinio, sarebbe salito di corsa su un'auto per dileguarsi, probabilmente con uno o più complici. La qualità del video è però sufficiente solo a distinguere le sagome di auto e persone in movimento. Non di certo a identificare l'assassino. Durante la manifestazione è stato fermato e poi rilasciato il deputato ucraino, Oleksii Goncharenko, che, secondo l'agenzia Unian, ha detto di essere stato picchiato dalla polizia. Goncharenko dice di essere accusato di non aver obbedito a un ordine di un poliziotto, ma nega di aver compiuto una tale infrazione. Secondo l'agenzia Interfax, il parlamentare è stato interrogato nel quadro di un'inchiesta per «tentato omicidio e tortura» nei confronti di «un cittadino russo durante la tragedia di Odessa» dello scorso maggio, in cui morirono quasi 50 persone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X