Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Contenuto sponsorizzato – Speed informa

Difetti di memoria: un boom per gli over 50

Stanchezza psico-fisica e stress dilagano. Consigliati alimentazione sana, attività fisica e integratori

La demenza non è una singola malattia, ma è il nome di un gruppo di sintomi che includono problemi della memoria, del comportamento e del pensiero. Molto spesso non è diagnosticata e può presentarsi in forme diverse. Tra queste una delle più terribili è il morbo di Alzheimer, dovuto ad accumuli nel cervello delle proteine amiloide e tau: è di certo quello su cui è stata fatta più ricerca anche se purtroppo non si è ancora arrivati ad una cura. Esistono però diversi studi che dimostrano cosa si può fare per prevenire la malattia.

Tra le raccomandazioni c’è quella, anche in età avanzata, di non tralasciare tutte le occasioni di socializzare. E anche il soggiorno in una casa di riposo attrezzata può spesso ovviare a problemi di solitudine e abbandono. Inoltre gli anziani devono agire anche su altri fronti: per esempio la lettura e l’uso di pc e social network ma anche un po’ di esercizio fisico: non è mai una perdita di tempo, ma un trucco per memorizzare meglio. Il meccanismo, messo in luce da uno studio pubblicato di recente sul Journal of the International Neuropsychological Society, è stato testato proprio sugli anziani, ma potrebbe valere come consiglio anche per i giovani alle prese con gli esami. È stato infatti dimostrato che l’attività fisica moderata e regolare può aumentare il volume dell’ippocampo e proteggere dal declino della memoria correlato all’età.

In altre età si parla anche di stanchezza psicofisica e ci si interroga su come aiutare la memoria. Purtroppo il declino cognitivo è sempre più diffuso e quasi tutti gli over 50 in condizioni di stress psicofisico registrano difficoltà di memoria. Spesso, nulla di preoccupante, intendiamoci, ma è necessario un sostegno per prevenire condizioni peggiori che impedirebbero non solo una normale attività lavorative ma anche condizioni di vita sociali ottimali. È importante il consiglio del medico di famiglia o della farmacia di fiducia per scegliere un’alimentazione sana e anche alcuni prodotti o integratori che possono aiutare a superare lo stress psicofisico e a sostenere la memoria.
Nel frattempo si sviluppano nuovi studi contro l’Alzheimer. Un farmaco comunemente usato per la disfunzione erettile, venduto in commercio con marchi come Viagra, potrebbe ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer di circa il 18%. A dimostrarlo un nuovo studio internazionale, condotto su quasi 270.000 uomini e pubblicato su Neurology. Ora, sono necessarie ulteriori ricerche sotto forma di studi clinici per capire il dosaggio ottimale, la durata del trattamento e se il leggero effetto protettivo si estende anche alle donne. «Abbiamo un disperato bisogno di trattamenti che possano prevenire o ritardare lo sviluppo della malattia di Alzheimer», ha detto Ruth Brauer, farmacoepidemiologa presso l’University College di Londra e autrice dello studio. «Questi risultati sono incoraggianti e giustificano ulteriori ricerche», ha continuato Brauer.

Con l’incidenza della malattia di Alzheimer in aumento nelle popolazioni che invecchiano e con nuove terapie poco efficaci che si fanno strada attraverso le approvazioni, i ricercatori hanno rivolto la loro attenzione ai farmaci esistenti per rilevare se qualcuno di questi potesse rallentare in modo incisivo il declino cognitivo. Per esempio, l’anno scorso un gruppo di ricercatori dell’Università del Kentucky ha scoperto che un trattamento approvato per la sclerosi multipla incoraggiava anche le cellule cerebrali, chiamate microglia, a eliminare le proteine tossiche associate alla malattia di Alzheimer nei topi. Allo stesso tempo, gli scienziati stanno ancora cercando di affinare la comprensione delle cause della malattia di Alzheimer, con l’emergere di nuovi colpevoli, oltre alle già note placche di amiloide-beta e ai grovigli di tau, i due segni distintivi molecolari della malattia. Casi estremamente rari di persone che ospitano una fortunata combinazione di mutazioni genetiche che le proteggono dall’Alzheimer hanno anche rivelato nuovi modi per rallentare la malattia.

Ma, resta il fatto che solo negli Stati Uniti 6,7 milioni di persone di 65 anni e più convivono con l’Alzheimer, un numero che potrebbe più che raddoppiare entro il 2060 a meno che non si trovi un modo per intervenire questa tendenza. Negli ultimi anni si è discusso se i farmaci per la disfunzione erettile comunemente usati, noti come inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 o PDE5, come il sildenafil, venduto con il nome commerciale di Viagra e usato anche per trattare l’ipertensione, possano ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Uno studio osservazionale del 2021 ha dimostrato che l’assunzione di sildenafil riduceva di quasi il 70% le probabilità di diagnosi di Alzheimer tra gli americani, ma uno studio più breve e più piccolo del 2022 non ha riscontrato alcun effetto simile quando si seguivano i pazienti per meno di 2 anni.

Una ricerca del 2023 ha spostato ora l’ago della bilancia dalla parte opposta. Nel nuovo studio, sempre di tipo osservazionale, sono state analizzate le prescrizioni rilasciate a quasi 270.000 uomini di età pari o superiore a 40 anni con una nuova diagnosi di disfunzione erettile, utilizzando le cartelle cliniche elettroniche del Regno Unito. Sebbene queste cartelle non mostrino se le persone hanno compilato o meno le prescrizioni o se avessero assunto i farmaci, indicano chi utilizzava quali farmaci e con quale frequenza. A circa la metà delle persone è stato prescritto il sildenafil o un farmaco simile per la disfunzione erettile, appartenente alla stessa classe di farmaci degli inibitori della PDE5, e 1.119 uomini hanno poi sviluppato la malattia di Alzheimer. Coloro ai quali era stato prescritto un inibitore della PDE5 avevano il 18% di probabilità in meno di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto a chi non faceva uso del farmaco, e il rischio era ancora più basso se le persone avevano ricevuto più di 20 prescrizioni nell’arco di una media di 5 anni. Tuttavia, quando i pazienti sono stati raggruppati in base al farmaco prescritto, solo il sildenafil, ma non il tadalafil o il vardenafil, è stato associato a una riduzione del rischio di Alzheimer. Inoltre, l’apparente effetto protettivo si è quasi annullato quando i ricercatori hanno escluso i pazienti che avevano meno di 3 anni di follow-up, per tenere conto della possibile sovrapposizione tra l’inizio di un farmaco per la disfunzione erettile e l’insorgenza dell’Alzheimer, che può verificarsi anni prima della diagnosi. «Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati, approfondire i potenziali benefici e i meccanismi di questi farmaci ed esaminare il dosaggio ottimale», ha precisato Brauer.

Caricamento commenti

Commenta la notizia