Martedì, 07 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Sciopero dei benzinai il 25 e il 26 gennaio, il Codacons: «È un atto di guerra»
CASO ACCISE

Sciopero dei benzinai il 25 e il 26 gennaio, il Codacons: «È un atto di guerra»

carburanti, Sicilia, Economia
Sciopero benzinai

Sciopero dei benzinai il 25 e il 26 gennaio. Faib, Fegica e Figisc/Anisa proclamano lo sciopero nazionale dei gestori, sia in autostrada che sulla viabilità ordinaria. È quanto si legge in una nota delle associazioni di categoria che condannano «la scelta di eliminare di colpo il tagli o delle accise che ha causato l’aumento dei prezzi dei carburanti».

«La decisione dei benzinai di proclamare due giorni di sciopero equivale ad un atto di guerra contro i consumatori, una protesta assurda e immotivata che ci porta oggi a presentare una istanza urgente al Garante per gli scioperi affinchè blocchi la mobilitazione dei gestori». Lo afferma il Codacons in una nota. «Con tale sciopero i benzinai sembrano dimostrare di non gradire la trasparenza sui prezzi dei carburanti decisa dal Governo attraverso il decreto approvato dal Consiglio dei ministri, e di voler difendere ombre e ambiguità che investono il settore - afferma l’associazione dei consumatori - Uno sciopero che danneggia solo i consumatori, già vittime di listini alla pompa eccessivi e del rialzo delle accise scattato lo scorso 1 gennaio». Per tale motivo il Codacons presenta oggi una istanza alla Commissione di garanzia sugli scioperi, chiedendo di «bloccare la protesta dei benzinai e di sanzionare qualsiasi mobilitazione lesiva dei diritti degli utenti».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X