Lunedì, 08 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Incidenti sul lavoro, sit-in della Cisl davanti alle prefetture siciliane
L'1 AGOSTO

Incidenti sul lavoro, sit-in della Cisl davanti alle prefetture siciliane

La Cisl Sicilia lancia la campagna #presidiamolasicurezza che prenderà le mosse l’1 agosto con sit-in e volantinaggi che si svolgeranno dalle 10 alle 12 davanti alle nove prefetture dell’Isola. Mentre nei luoghi di lavoro, rende noto il sindacato, «sarà rafforzata l’attività di vigilanza dei rappresentanti dei lavoratori».

«Salute e sicurezza non vanno in stand-by»

Per la Cisl i temi della salute e della sicurezza «non vanno in stand-by anche se la situazione politica è quella che è». Né i pochissimi ispettori regionali del lavoro in servizio nella regione, appena 63, possono fare miracoli. Tanto che «le denunce di infortunio dal maggio 2021 al maggio scorso sono passate da 9.449 a 15.604, con l’incremento di 6.155 casi», oltre il 60% in più.
La campagna #presidiamolasicurezza arriva a qualche giorno dall’ultima morte avvenuta nella zona di Cefalù (Palermo); e all’indomani, sia della relazione annuale sul tema presentata alla Camera dai vertici dell’Inail che del meeting organizzato dalla stessa Cisl con associazioni d’impresa ed enti bilaterali per illustrare i Nuovi Quaderni di Sicurezza che saranno distribuiti, in questi giorni, a circa diecimila aziende artigiane dell’Isola.

In Sicilia ritardi nel varo del decreto che istituisce l'Ispettorato del lavoro

La Cisl esprime preoccupazione per il fatto che in Sicilia la legislatura si avvia al tramonto senza il varo all’Ars del decreto istitutivo dell’Inl, l’Ispettorato nazionale del Lavoro. «Così - sottolinea - il piano di assunzioni di ispettori avviato al livello nazionale non potrà riguardare la Sicilia». «E questo è un fatto allarmante», commentano Sebastiano Cappuccio e Rosanna Laplaca, segretario generale e componente della segreteria del sindacato siciliano. Che alla Regione chiede di dar corso comunque «a tavoli tecnici, in particolare nei dipartimenti competenti degli assessorati alla Salute e al Lavoro, perché non si interrompa, anche in queste settimane, l’interlocuzione su temi così importanti e delicati, con le forze sociali e le istituzioni competenti, Inail, Inps, Asp, enti bilaterali». Per la Cisl è necessaria la «sinergia degli interventi» tra l’organizzazione centrale, del ministero del Lavoro; quella periferica regionale. E le parti sociali. La Cisl infine propone di «condizionare ogni incentivazione economica alle imprese, all’esame delle misure di sicurezza adottate». E di istituire presso le prefetture dell’Isola «coordinamenti territoriali permanenti che facciano leva sull’asse istituzioni-parti sociali e operino in prossimità delle realtà lavorative, per organizzare valutazioni e interventi in tema di sicurezza in cantieri e aziende». (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X