Sabato, 22 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Aiuti alle imprese siciliane colpite dalla pandemia, ecco il bando da 100 milioni
REGIONE

Aiuti alle imprese siciliane colpite dalla pandemia, ecco il bando da 100 milioni

di

Aiuti alle imprese colpite dalla pandemia ecco il bando. E parte la corsa ad ottenere i contributi a fondo perduto per ammortizzare i prestiti concessi dalle banche. Una misura prevista a marzo dal governo Musumesi, su proposta dell'assessore all'Economia Gaetano Armao, per immettere liquidità nelle casse delle aziende e provare a far ripartire l'economia.
Il bando è stato messo a punto dall'Irfis, guidata da Giacomo Gargano e Giulio Guagliano, e pubblicato sul sito istituzionale dell'istituto di credito della Regione.
In estrema sintesi, la Regione, sempre tramite l’Irfis, prevede di dare un contributo a fondo perduto che abbatte il costo di mutui contratti o da contrarre con altre banche. Funzionerà così: se l’imprenditore ha acceso o accenderà, la Regione erogherà il 10% di quanto concesso dalla banca scelta dall’azienda. Questo 10% sarà a fondo perduto, la Regione non chiederà di rimborsarlo. E la misura massima che Palazzo d’Orleans è disposta a dare è 30 mila euro: tetto che potrà ricevere chi ha un mutuo da 300 mila euro con altre banche o intermediari finanziari. Anche in questo caso la procedura sarà a sportello. Il termine per presentare la domanda è scattato oggi e l'ultimo giorno utile sarà il 28 febbraio del 2022.
A farsi avanti possono essere “piccole, medie e micro imprese” danneggiate dalla pandemia. Il che vuol dire che gli imprenditori dovranno dimostrare di aver subito un calo del fatturato di almeno il 30% nel bilancio del 2020 in confronto a quello del 2019.
Dal bando sono escluse le aziende agricole e del settore pesca.
Il mutuo al quale il prestito va agganciato deve essere stato concesso a partire dal 12 marzo 2020. E deve avere una durata massima di 10 anni con non più di 18 mesi di preammortamento.
Sul piatto per finanziare questa misura il governo ha messo 100 milioni. Ma è in uscita un secondo bando, che avrà una disponibilità di altri 50 milioni, per finanziare un secondo intervento destinato alle imprese danneggiate. Con questo Armao pensa di erogare finanziamenti a tasso zero «destinati a coprire le esigenze finanziarie connesse all’esercizio di impresa e concessi senza alcuna valutazione del merito creditizio e senza alcuna garanzia né commissione a carico dell’impresa». I prestiti che l’Irfis potrà erogare con questo secondo bando in rampa di lancio variano da un minimo di 10 mila a un massimo di 100 mila euro e saranno rimborsabili entro massimo 84 mesi, con i primi 24 calcolati come preammortamento. È, questa, la riproposizione di una misura varata a livello nazionale nel pieno del lockdown del 2020 denominata Msl (Misura straordinaria di liquidità). E la Regione sceglie di rifinanziarla affidando tutto all’Irfis. L’Istituto a cui Musumeci ha affidato l’accelerazione delle misure economiche potrà erogare i prestiti con la procedura a sportello.
Era stata Confindustria, guidata da Alessandro Albanese, a chiedere durante i lavori della Finanziaria che la Regione non erogasse alle imprese aiuti a pioggia, spesso di piccolissimo importo, ma prestiti in grado di consentire alle aziende la ripresa post pandemia. Per farlo la Regione ha rimodulato fondi europei non spesi fino a quest'anno.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X