Venerdì, 03 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Tornano al lavoro i forestali in Sicilia, al via progetti europei per 110 milioni
SODDISFATTI I SINDACATI

Tornano al lavoro i forestali in Sicilia, al via progetti europei per 110 milioni

Tornano al lavoro i forestali siciliani. Come concordato giovedì scorso dai sindacati e l’assessore regionale all’agricoltura Toni Scilla, saranno impegnati in 70 progetti finanziati con 53 milioni del Po- Fesr da spendere nel biennio 2021/2022. Ed è solo l’inizio : seguiranno infatti altri progetti per una spesa finale totale di 110 milioni in tre anni. Giovedì Flai, Fai e Uila regionali avevano portato i lavoratori in piazza per chiedere l’avvio immediato al lavoro.
“L’impegno assunto dall’assessore Scilla e dal dirigente generale del dipartimento sviluppo rurale Mario Candore a seguito del presidio- dicono Tonino Russo (Flai-Cgil) Pierluigi Manca (Fai -Cisl) e Nino Marino (Uila-Uil ), è stato mantenuto. Ed è un impegno importante nel momento in cui gli eventi atmosferici flagellano la Sicilia e suggeriscono di pigiare sull’acceleratore degli interventi di messa in sicurezza del territorio e dei piani di rimboschimento. Le modalità del finanziamento dei progetti aprono inoltre una finestra sul futuro – aggiungono- di un settore che va riformato per essere meglio indirizzato sugli obiettivi di tutela ambientale, valorizzando un lavoro come quello dei forestali che si rivela ogni giorno più essenziale”. Russo, Manca e Marino rilevano il “ senso di dovere e di responsabilità dell’assessore e di tutti i dirigenti del dipartimento che hanno determinato le condizioni per riammettere subito i forestali al lavoro.
Riteniamo questo un fatto importante, nel rispetto delle norme di settore- sostengono- auspicando che nessun lavoratore perda giornate di lavoro per altre cause. Dopo avere messo in sicurezza le giornate di lavoro per l’anno 2021, il nostro impegno- concludono i segretari di Flai, Fai e Uila - si concentrerà sulla riforma del settore, attesa ormai da troppi anni. Un riforma che deve dare stabilità a un lavoro oggi quanto mai importante come quello dei forestali e consentire un progetto di valorizzazione e tutela ambientale di ampio respiro in grado anche di generare nuove opportunità di sviluppo e nuova occupazione”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X