Sabato, 13 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bonus tv fino a 100 euro: quali sono i requisiti per chiederlo e quando scade
GLI INCENTIVI

Bonus tv fino a 100 euro: quali sono i requisiti per chiederlo e quando scade

Nel 2022 per vedere la tv occorrerà avere un televisore di ultima generazione o un decoder perchè si passerà allo standard DVBT-2/HEVC. Ecco perchè, alcuni italiani hanno già deciso di approfittare del bonus 100 euro per cambiare il vecchio televisore e comprarne uno nuovo compatibile con i nuovi standard di trasmissione del digitale terrestre di nuova generazione.

Il bonus tv, quando entra in vigore

Il bonus tv, previsto dal decreto Sostegni, può valere fino a 100 euro e lo sconto sarà a disposizione a breve. Il ministero dell’Economia e il ministero dello Sviluppo economico hanno predisposto il decreto attuativo che disciplina le regole per l’erogazione del bonus: una volta pubblicato in Gazzetta ufficiale e trascorsi 15 giorni sarà perciò possibile utilizzare lo sconto per l’acquisto di una nuova tv.

I fondi per il bonus 100 euro

Dovrebbe garantire, dicono gli esperti, una miglior qualità, risoluzione più elevata e un nuovo standard di codifica per la compressione video. Al di là delle specifiche tecniche, per ottenere il bonus gli italiani dovranno essere assai veloci: la cifra stanziata basta infatti a malapena a coprire un quarto delle potenziali richieste e il fondo sarà erogabile fino all'esaurimento delle risorse, tranne rifinanziamenti dell'ultima ora. Le regole di ingaggio per la corsa sono note, si attende il via in attesa che il ministero dello Sviluppo economico e quello dell'Economia pubblichino il provvedimento attuativo della norma contenuta nel decreto Sostegni. Poi si stabilirà una data di inizio, mentre la scadenza è già nota: 31 dicembre 2022. Ma le risorse per questo passaggio ad una tv più smart sono esigue. Il conto è presto fatto: il plafond della misura è fissato a 250 milioni di euro. Se tutti i 9 milioni di proprietari di televisori acquistati prima del 2018 (stima Auditel-Ipsos) decidessero di chiedere lo sconto servirebbero 900 milioni di euro. Con la cifra attuale si copre così a mala pena un quarto dei potenziali richiedenti, 2,5 milioni di cittadini con la tv vecchia.

Chi può ottenere il bonus 100 euro

Non è finita qui: per ottenere i 100 euro (cifra decisamente contenuta considerato che il costo dei nuovi apparecchi parte da almeno il doppio) bisognerà certificare di essere cittadini italiani, aver pagato regolarmente il canone Rai (oggi in bolletta) ed aver rottamato un vecchio televisore. Il passaggio della rottamazione avrà due strade: o consegnare al rivenditore che accorderà lo sconto o portarlo in una discarica autorizzata che rilascerà un attestato da portare al rivenditore. Per i non tecnici ma possessori di tv da cambiare che volessero approfondire, HEVC è l'acronimo di High Efficiency Video Coding, cioè uno standard di codifica ad alta efficienza che supporta filmati con risoluzioni fino a 8K. DVB T-2 permette di aumentare del 50% la capacità di trasmissione a parità di banda ed è stato scelto per liberare la banda a 700Mhz per consegnarla agli operatori telefonici per il 5G.

Il bonus potrebbe non esserci per tutti

Il bonus sarà disponibile fino al 31 dicembre 2022, salvo che il fondo con lo stanziamento da circa 250 milioni non si esaurisca prima. Secondo un’analisi Auditel-Ipsos nelle case degli italiani ci sono 9 milioni di tv non compatibili con la nuova tecnologia. Perciò dato che il bonus si traduce in uno sconto del 20% sul prezzo finale d’acquisto compreso di Iva (fino a un massimo di 100 euro), le risorse del fondo non potranno bastare per tutti.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X