Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Ristorazione in crisi, in Sicilia 837 attività chiuse nel 2020
IMPRESE

Ristorazione in crisi, in Sicilia 837 attività chiuse nel 2020

A fronte di 23.293 imprese legate al mondo della ristorazione attive in Sicilia nel 2020, in 837 hanno cessato l’attività. È quanto emerge dal rapporto annuale Fipe di Confcommercio, aggiornato al 31 marzo 2021.

«Intanto occorre inquadrare il contesto complessivo - spiegano i presidenti regionali di Fipe, Dario Pistorio, e Confcommercio, Gianluca Manenti - su 23.293 imprese (suddivise per il 22,2% in società di capitale; per il 15,5% in società di persone; e per il 60,2% in ditte individuali) i bar e altri esercizi simili senza cucina, sempre in Sicilia, sono 8.762; i ristoranti e le attività di ristorazione mobile sono 14.279 mentre sono 252 le imprese che svolgono attività di banqueting, di fornitura di pasti preparati e di ristorazione collettiva».

Delle 837 società che hanno cessato l’attività nel 2020 sono: 71 quelle di capitali, 137 di persone e 627 ditte individuali. Per quanto riguarda i bar, 361 le attività che hanno chiuso i battenti (25 società di capitale, 63 di persone e 273 ditte individuali). I ristoranti e le attività di ristorazione mobile che hanno cessato l’attività sono 472 (43 società di capitali, 72 di persone, 355 ditte individuali). Con riferimento a mense e catering, il rapporto di nati-mortalità è pari a -4 (3 società di capitali e 2 di persone hanno cessato l’attività mentre è nata una nuova ditta individuale).

«Le aziende della filiera sono concordi nell’affermare - afferma Pistorio - che il settore chiuderà il 2021 con un risultato negativo rispetto ai livelli pre-Covid del 2019. In particolare, la maggior parte degli intervistati (55%) ritiene che l'evoluzione attesa per il 2021 sarà pari a circa il -20% rispetto al 2019». Tra le curiosità che emergono dal report Fipe, il prezzo della tazzina di caffè pari a 0,81 euro a Messina e a 0,98 a Palermo, contro l’1,04 di Alessandria, l’1,05 di Cagliari e l’1,10 di Ferrara e Vicenza.

Il prezzo del cappuccino è 1,40 euro a Messina e 1,55 a Palermo contro l’1,31 di Alessandria, l’1,25 di Cagliari e l’1,41 di Ferrara. Il panino al bar costa a 2,26 euro a Messina e 2,79 a Palermo contro il 3,52 di Alessandria, il 2,96 di Cagliari e il 2,04 di Ferrara. Infine, il prezzo del pasto (pizza + bibita) in pizzeria: 9,14 euro a Messina, 10,80 a Palermo contro il 9,07 di Alessandria, l’8,79 di Cagliari e il 9,58 di Ferrara.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X