Lunedì, 13 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Industria del matrimonio al tracollo, il piano dei fornitori: 19 punti per ripartire con la fase 2
AL GOVERNO

Industria del matrimonio al tracollo, il piano dei fornitori: 19 punti per ripartire con la fase 2

L'industria del matrimonio rischia il tracollo. Eventi annullati, cerimonie posticipate e incassi mancati che mettono a dura prova tutti i fornitori del settore che ruotano al mondo del "sì lo voglio". Dai fotografi, agli atelier, dai floreal designer al catering ai wedding planner chiedono di far ripartire, già dalla fase 2 e con date certe,  la filiera del Wedding.

“Questo matrimonio s'ha da fare” è lo slogan che lancia l'iniziativa, nata in Sicilia ma diventata virael, dell'imprenditore Umberto Sciacca e della event manager Barbara Mirabella, Italian wedding Industry, che ha già raccolto oltre 4000 firme, coinvolgendo anche prestigiosi brand italiani, leader mondiali, di abiti da sposa, sposo e cerimonia, fino a tutti gli operatori della filiera matrimonio, e continua a muovere istanze per  far sì che il comparto riceva la dovuta attenzione da parte del Governo nazionale, dopo l’annullamento, ad oggi, di oltre 17 mila matrimoni in tutta l’Italia.

“Sono 50 mila i matrimoni che, secondo le stime ufficiali, salteranno tra maggio e giugno 2020 – dichiara Barbara Mirabella -. Ciò significherà, per tutto il comparto, disdette di mesi e un intero settore completamente falcidiato. Abbiamo inviato una lettera al Governo con ben diciannove punti sui quali porre l’attenzione, primo tra tutti il bisogno di date certe, e chiare regole di salvaguardia, compatibili con la sicurezza sanitaria. La pianificazione anticipata è elemento fondamentale per lo svolgimento dell’attività di organizzazione degli eventi. Solo con un calendario chiaro e coerente delle riaperture, anche il mondo della wedding industry potrà riprendere il proprio lavoro. Per convivere senza rischi per la salute con il virus, è necessario anche un confronto con gli ordini professionali, come ingegneri, architetti e geometri, professionisti abilitati, che accompagnino gli imprenditori per ridisegnare, ad esempio, la capienza delle ville per ricevimenti o anche quelle degli stessi atelier, definendo nuove regole di salvaguardia. Stabilendo nuove modalità di fruizione di servizi come il catering, intendiamo metterci a disposizione delle istituzioni per riscrivere il decalogo del “Far bene”. In questo modo si potrebbero fornire date certe per la riapertura programmata di tutte le attività aggregative, che ogni anno assicurano 40 miliardi di fatturato, consentendo un’adeguata pianificazione e l’avvio delle prenotazioni”.

Parole chiare, che mostrano una competente e studiata volontà riorganizzativa e che puntano i riflettori anche su categorie di negozi come gli atelier da sposa, assimilatati tout court al settore commercio, e quindi considerati in grado di riaprire già dal 18 maggio, nonostante il loro target di riferimento, cioè la cerimonia e l’alta moda sposa, non possa essere finalizzato, poiché è vietato partecipare e festeggiare le ricorrenze e i riti come i matrimoni.

Italian Wedding Industry, quindi, propone che gli eventi, nel pieno rispetto delle distanze di sicurezza, abbiamo una nuova lettura nel modus operandi e nei layout organizzativi: no al buffet, sì al servizio al tavolo con mice en place, che garantiscano un distanziamento spaziale corretto (Es 4 pax su tavoli da 8). Il movimento ritiene, altresì, indispensabile consentire, ancor prima della fase 2, la possibilità per le coppie di sposi di visitare, su appuntamento e con mascherine e dispostivi di sicurezza, le location per cominciare a dare un segnale di ripresa agli operatori dell’ospitalità e ai clienti, per pianificare una ripartenza con le dovute salvaguardie per i consumatori (Contratti sospesi fino a nuova indicazioni del governo).

“Siamo davvero preoccupati per ciò che accadrà a partire dal 18 maggio – dichiara Umberto Sciacca -. La semplice riapertura degli atelier, con l’imposizione di sanificare gli abiti, senza l’adozione di precise misure a tutela del lavoro di tutti gli operatori del comparto, non ci permetterà di coprire le spese vive, ma soprattutto di recuperare al gravissimo danno subito negli ultimi due mesi. A questo punto le parole stanno a zero: abbiamo bisogno che vengano elaborate dal Governo nazionale, e nel più breve tempo possibile, delle misure che consentano la ripresa dei matrimoni, intesi come eventi aggregativi. Se questo non accadrà, a chi dovremo vendere i nostri lussuosi abiti con ricami, pizzi e merletti? Come faremo a pagare gli esosi affitti? E come potremo rispettare gli accordi economici con i nostri fornitori, per evitare il blocco totale del sistema?”.

Sono domande espresse dalla Italian Wedding Industry, che attraverso 19 proposte ha lanciato un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Adesso i tempi sono maturi per ottenere delle risposte precise e puntuali, che consentano di definire un calendario di ripresa dei lavori, per rispettare le migliaia di famiglie, che vivono di eventi aggregativi, bisognose di un ritorno alla normalità.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X