Sabato, 21 Settembre 2019
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Abusi sui precari, avviata procedura Ue contro l'Italia

Procedura di infrazione contro l'Italia. Ad aprirla la Commissione Ue per abuso di ricorso ai contratti a termine nella pubblica amministrazione e per discriminazione dei lavoratori a tempo. La direttiva Ue sui contratti a tempo determinato infatti prevede che i lavoratori abbiano le stesse condizioni dei colleghi a tempo indeterminato comparabili.

Attualmente però, spiega Bruxelles, la legislazione italiana "esclude da questa protezione diverse categorie di lavoratori del settore pubblico" fra cui la scuola e la sanità. La Commissione ha elencato nel dettaglio alcune categorie del settore pubblico in cui dovrebbe essere garantita parità di trattamento: insegnanti, personale sanitario, lavoratori del settore dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica, personale di alcune fondazioni di produzione musicale, personale accademico, lavoratori agricoli e personale volontario dei vigili del fuoco nazionali.

Inoltre, continua, "l'Italia non ha predisposto garanzie sufficienti per impedire le discriminazioni in relazione all'anzianità".

Adesso l'Italia avrà 2 mesi da ora per rispondere a quanto sottolineato della Commissione, oppure la procedura passerà alla seconda fase.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X