Venerdì, 24 Maggio 2019
TURISMO

Effetto Xi Jinping, dalla Cina un milione di presenze in più nel 2019

Un milione di presenze di turisti cinesi in più nel 2019. Lo prevede un'indagine del Centro studi Cna, condotta in collaborazione con Cna Turismo e Commercio secondo cui si supereranno i sei milioni di presenze, contro i cinque milioni del 2018 e del 2017 e i 4,5 milioni del 2016, anno in cui l'apertura di undici centri per i visti consolari ha facilitato gli ingressi nel nostro Paese. In termini relativi, la crescita delle presenze toccherebbe, di conseguenza, il 20% in un anno e il 33% in tre anni. Il movimento economico raggiungerà secondo le previsioni il miliardo e mezzo di euro tra spese di viaggio, pernottamento e mangiare e bere ma anche e soprattutto shopping.

Anche in virtù del fatto che i cinesi tra gli extra-europei sono quelli che mediamente spendono di più: dall'analisi degli acquisti "tax free" emerge uno "scontrino" pro capite superiore ai mille euro. Una somma importante che incorpora, però, anche il fenomeno degli acquisti per interposta persona, sempre più diffusi tra i cinesi venuti in Italia, che importano privatamente prodotti acquistati per conto terzi, ordinati magari attraverso piattaforme digitali dedicate. Insomma, le dichiarazioni del presidente cinese Xi Jinping rilasciate nel corso della sua visita a Palermo circa un imminente boom di turisti cinesi nel capoluogo siciliano, sembra essere qualcosa in più di un annuncio ad effetto. La tendenza è questa.

Dall'arrivo a Palermo al tour a Palazzo dei Normanni: le foto della visita del presidente cinese Xi Jinping

Tra i turisti cinesi proprio l'attrazione esercitata dai marchi italiani - dell'abbigliamento in particolare, dell'enogastronomia, del design - favorisce la forte presenza di donne (rappresentano il 60% del totale) e la preponderante giovane (ma non giovanissima) età: il 65% conta tra i 20 e i 45 anni. Al di là dello shopping e di tutto quanto rientra nello stile di vita italiano - compresi turismo esperienziale, tradizioni artigianali ed enogastronomiche - le città d'arte sono uno dei principali attrattori. Una sempre maggiore importanza avranno i 54 siti Unesco anche a seguito dell'accordo tra Italia e Cina firmato di recente (in cui il turismo è uno dei temi chiavi per promuovere le relazioni fra i due popoli).

Per soggiornare in Italia le preferenze dei turisti cinesi vanno agli alberghi, che ne attirano il 60%, lasciando a resort eleganti, alloggi signorili cittadini e ville di campagna la parte del leone nelle strutture extra-alberghiere. Quanto alla organizzazione dei viaggi, il fai-da-te tramite Internet attira soprattutto i più giovani (tra i 20 e i 35 anni).

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X