Lunedì, 26 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia L'azienda li licenzia e loro inventano un'impresa: nasce l'amaro partigiano
LA STORIA

L'azienda li licenzia e loro inventano un'impresa: nasce l'amaro partigiano

FOSDINOVO. Una fabbrica abbandonata, occupata e riaperta alla produzione. Un circolo Arci che gestisce un museo dedicato alla Resistenza sulle colline di Fosdinovo.

Sono i due "ingredienti" di un progetto di mercato alternativo per il lancio dell'Amaro Partigiano, che ha ottenuto anche la benedizione del partigiano e presidente Anpi Massa Carrara, Giorgio Mori.

Lo riferisce oggi il Tirreno. L'Amaro Partigiano sarà realizzato rigorosamente con ingredienti lunigianesi, seguendo una ricetta messa a punto grazie alla consulenza di un antico laboratorio artigiano della zona. Ma verrà prodotto da Rimaflow, a Trezzano sul Naviglo, in una fabbrica oggi impegnata nella costruzione di una rete per un mercato equo, libero e solidale.

I 330 lavoratori, dopo aver perso il lavoro perchè l'azienda ha deciso di delocalizzare in Polonia l'attività per abbattere i costi, si sono rimboccati le maniche e hanno riavviato la produzione puntando sul mercato equo-solidale.

L'idea dell'Amaro Partigiano è dell'Arci Archivi della Resistenza a Fosdinovo. I proventi delle vendite saranno destinati al suo Museo Audiovisivo e ai progetti "sociali" di Rimaflow. Ma per produrre il liquore servono attrezzature e macchinari: da qui il lancio di un crowfunding che partirà a breve.

Che gusto avrà l'Amaro Partigiano? «Il gusto - spiega Alessio Giannanti, di Archivi della Resistenza - è il risultato di un'accurata selezione di nove ingredienti ispirati alla vita nei boschi della Lunigiana durante la Resistenza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X