Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Pesca, pubblicato il "Registro identitario del Mediterraneo"
REGIONE

Pesca, pubblicato il "Registro identitario del Mediterraneo"

PALERMO. Un documento che salvaguardi l'identità del pescato siciliano a partire dal valore artigianale e quindi dall'uomo. È secondo quest'ottica che è stato redatto e pubblicato dal dipartimento della Pesca della Regione Sicilia il «Registro identitario della pesca del Mediterraneo e dei borghi marinari».

«Da ventimila a 7.500 è sceso il numero degli addetti nel settore della pesca. Occorre salvare l'identità della pesca siciliana prima che sia troppo tardi. Ripercorrere insomma i passi storici della pesca siciliana - commenta il dirigente del dipartimento della Pesca mediterranea dell'assessorato regionale dell'Agricoltura, Dario Cartabellotta - perchè il pesce e il mare di Sicilia hanno un valore culturale e questo registro identitario vuole esserne la testimonianza, come lo sono i 120 luoghi di sbarco, le 64 tonnare e gli innumerevoli borghi marinari che contraddistinguono il  paesaggio dei 1500 km di costa siciliana».

A coordinare i lavori per la redazione del registro identitario Domenico Targia, responsabile dalla Pesca artigianale. «Ci sono ben tremila anni di storia di  pesca e pescato - esordisce - il nostro documento vuole fornire uno strumento di  conoscenza e di salvaguardia della nostra identità marina nella grande ottica europea. Un marchio che da un valore culturale porti ad un valore economico».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X