Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Piazza Affari ancora in forte calo, crollano Mps e Unicredit
BORSE

Piazza Affari ancora in forte calo, crollano Mps e Unicredit

MILANO. Non si arresta la caduta di Piazza Affari con l'indice Ftse Mib che scivola del 2,1% trascinato dalle vendite sul comparto bancario. Sono 4 i titoli sospesi: Unipol, Banco Popolare, Bper e Ubi Banca.

Pioggia di vendite su Mps che rientra agli scambi dopo essere rimasta a lungo in asta di volatilità. L'istituto senese, dopo la tregua di ieri, torna ad esser bersagliato dagli investitori e cede l'8,03% a 0,28 euro, sui timori per la difficoltà di esecuzione del piano messo a punto dall'amministratore Fabrizio Viola. La banca è il peggior titolo del Ftse Mib davanti a Unicredit (-6,6%) mentre proseguono le vendite su tutto il comparto.

"Penso che gli stress test abbiano mostrato che le banche italiane non sono il problema del sistema europeo. Questa è la vera novità", dice il premier Matteo Renzi intervistato da Cnbc. "Negli ultimi 12 mesi ogni giorno si diceva che il problema erano le banche italiane e noi replicavamo che non era vero. Alla fine gli stress test mostrano la realtà: abbiamo la migliore banca europea, Intesa Sanpaolo, e quattro istituti su cinque sono in una buona situazione. Il problema è Mps, per la quale abbiamo lavorato con forza a una soluzione di mercato. Perciò sono soddisfatto del risultato".

"Per la prima volta abbiamo eliminato il problema dei Non performing loans. Ora per la prima volta Monte dei Paschi è senza Npl perché l'operazione Atlante ha pulito di ogni credito non performante la banca". Perciò questa è la soluzione "finale". Così ha risposto il presidente del Consiglio alla domanda perché dovremmo credere che per Monte dei Paschi di Siena è l'ultima volta che si interviene e si ricapitalizza.

La caduta del petrolio, sceso nuovamente sotto i 40 dollari al barile, pesa sulle Borse asiatiche, mentre la decisione della Banca centrale australiana di tagliare di un quarto di punto i tassi di interesse, al minimo storico dell'1,5%, indebolisce la valuta di Sydney. Tokyo ha ceduto l'1,47% in attesa che domani il governo giapponese alzi il velo sui dettagli del piano di stimolo da 28 miliardi di yen.

Poco mosse le Borse cinesi mentre Hong Kong è rimasta chiusa a causa di un tifone. Seul ha ceduto lo 0,36% e Sydney lo 0,84%. Il calo del petrolio "peserà probabilmente sull'umore degli investitori e potrebbe provocare un po' di fuga dal rischio" ha commentato a Bloomberg, James Woods, strategist di Rivkin Securities. In Europa proseguirà la stagione delle trimestrali - con Intesa, Ferrari e Poste che in Italia daranno i risultati - e si conosceranno i dati sui prezzi alla produzione nell'Eurozona mentre dagli Usa sono attesi quelli sulla spesa e il reddito personale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X