Sabato, 28 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Uila Sicilia, Nino Marino nuovo segretario
SINDACATO

Uila Sicilia, Nino Marino nuovo segretario

PALERMO. Nino Marino, da anni protagonista delle battaglie sindacali "di protesta e proposta" per la difesa dei lavoratori agricoli da ogni forma di sfruttamento e per la valorizzazione della "Risorsa Forestali", è il nuovo segretario generale della Uila Sicilia.

È stato eletto all'unanimità oggi a Palermo dal Consiglio regionale dell'organizzazione Uil dei lavoratori agroalimentari alla presenza dei segretari nazionali Uila e Filbi, Stefano Mantegazza e Gabriele De Gasperis, e del segretario regionale Uil Claudio Barone. Il Consiglio ha pure scelto i componenti della Segreteria regionale Uila che sono Enzo Savarino e Giuseppe La Bua. Tesoriere, Turi Orlando. In apertura dei lavori, presieduti per la Segreteria nazionale Uila da Guido Majrone, è stato ricordato Gaetano Pensabene, il segretario regionale Uila scomparso il 20 dicembre.

Al vertice della Uila di Catania e segretario confederale della Uil etnea, dallo scorso anno segretario regionale aggiunto della Uila siciliana, Marino nel suo intervento ha sottolineato il nuovo ruolo del sindacato "che è chiamato a essere parte sociale autorevole per capacità progettuale, oltre a svolgere i tradizionali compiti di autorità contrattuale e salariale". "Un’azione rivendicativa, sicuramente importante, non è più sufficiente", ha aggiunto Nino Marino che ha pure ricordato i numeri del settore agroalimentare nell'Isola: "Ben 219 mila aziende, il 13 per cento sul totale nazionale, e 22 milioni di giornate lavorative svolte. Solo il 27 per cento di queste giornate, però, sono svolte da dipendenti a tempo determinato mentre il 2 per cento da lavoratori a tempo indeterminato. Della manodopera dipendente oltre il 13 per cento è straniera. Circa 35 mila, poco sopra il 10 per cento, sono le imprese che dichiarano la presenza di lavoratori subordinati. Dietro questi dati, una smisurata tendenza al lavoro irregolare e in nero riproposto anche come autonomo o familiare".

Il neosegretario Uila ha denunciato come "'l'agricoltura siciliana proceda a due velocità, sia sul versante della legalità del lavoro sia sulla capacità di fare impresa, e questo penalizza innanzitutto le stesse aziende e la modernizzazione dei loro sistemi di produzione e di commercializzazione". Nino Marino ha, quindi, parlato del comparto Forestale: "Il Governo regionale, con il nuovo assessore Antonello Cracolici, si è impegnato a varare una riforma entro tre mesi e a condividere un tavolo di concertazione con il sindacato
unitario: riteniamo questo un segnale importante. Noi a quel tavolo porteremo una nostra proposta unitaria che sarà il frutto della condivisione dei lavoratori. Vedremo se prevale la volontà di voltare pagina".

E ancora: "Il Corpo Forestale e l’Azienda Foreste possono svolgere ognuno per il proprio ambito un ruolo strategico di tutela, manutenzione e salvaguardia del territorio, e se ad oggi questo è stato realizzato in minima parte, sia ben chiaro che l’unica responsabilità è di coloro che hanno governato malamente questo sistema. Sbandierare oggi come una conquista di legalità l’ipotetico licenziamento di oltre 3 mila lavoratori, mi sembra poco degno di un Paese civile soprattutto perché si vuole fare sommariamente "giustizia mediatica" dimenticando la dignità delle persone e delle loro famiglie".

"Abbiamo - ha concluso Nino Marino - un grande lavoro da svolgere: coltivare lo sviluppo della Sicilia in un processo di rinnovamento del lavoro. Lo faremo insieme con Fai Cisl e Flai Cgil, con il mondo delle imprese e i rappresentanti delle istituzioni politiche in ambito territoriale e regionale. A nessuno delle parti in causa è consentito di fare incancrenire i problemi, di rimandare e rinviare. Agire assieme per non distruggere il lavoro che rimane e per crearne di nuovo, questa è la nostra missione più importante. Perché noi coltiviamo sviluppo".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X