Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Ecco la nuova giunta: ma il Pd si spacca. Crocetta incontra Raciti: pronto a cambiare la squadra
REGIONE

Ecco la nuova giunta: ma il Pd si spacca. Crocetta incontra Raciti: pronto a cambiare la squadra

di

PALERMO. Fuori l’area Lupo e i socialisti. Resta Baccei. La sorpresa l’ingresso di Antonio Fiumefreddo. Eccola la nuova giunta, frutto di un travaglio politico che provocherà conseguenze nel Pd. In serata Crocetta ha incontrato Raciti per verificare la possibilità di allargare la rappresentanza politica in giunta, rivedendo qualche nome tra quelli precedentemente comunicati. "Credo che in serata - dice Crocetta - chiuderemo la questione".

Ecco la nuova giunta Crocetta, nomi e volti - Foto

IL CROCETTA QUATER. Non c’è Giuseppe Lupo, che aveva rifiutato il posto di assessore scegliendo di restare vice presidente dell’Ars. Ma non ci sono neppure uomini della sua corrente: nè l’uscente Antonio Purpura nè i deputati Marika Cirone Di Marco e Anthony Barbagallo.
Fa la parte del leone l’area ex cuperliana. Entra Antonello Cracolici (che lascerà il ruolo di capogruppo all’Ars e la presidenza della commissione Affari istituzionali) e va a occupare la pesantissima poltrona di assessore all’Agricoltura. E alla stessa area di Cracolici appartengono Bruno Marziano, new entry che alla Formazione e Cleo Li Calzi, tecnico che resta al Turismo e che formalmente resta in quota Crocetta. Questa corrente vede quindi aumentare la propria rappresentanza in giunta rispetto al Crocetta ter.
L’area Faraone conferma tutti gli uscenti: Baldo Gucciardi alla Sanità, Vania Contrafatto ai Rifiuti e Alessandro Baccei all’Economia.
L’Udc conferma Giovanni Pistorio, che però si sposta dalla Funzione pubblica alle Infrastrutture e piazza l’ex capogruppo Gianluca Miccichè al Lavoro (uno degli assessorati elettoralmente più pesanti).
Carlo Vermiglio, professionista messinese gradito a Ncd, si occuperà di Beni culturali. Il Pdr di Totò Cardinale mantiene il solo Maurizio Croce al Territorio. Non ci sono esponenti di piccoli partiti.
Fuori i socialisti e Sicilia democratica, che avevano indicato Giovanni Di Giacinto e Luisa Lantieri.
I socialisti hanno rifiutato fino all’ultimo di intestarsi la nomina di Antonio Fiumefreddo, pur vicino al deputato Marco Forzese. Fiumefreddo lascerà la guida di Riscossione Sicilia e si occuperà del delicatissimo assessorato alla Funzione pubblica e agli enti locali. Fedelissimo del presidente, le riforme della prossima Finanziaria passeranno da lui. Ma la nascita del governo non sembra aver riportato il sereno nella maggioranza di centrosinistra. Il segretario del Pd, Fausto Raciti, non riconosce la composizione della nuova giunta, in particolare la delegazione del Pd cooptata dal governatore nel suo quarto esecutivo in tre anni di legislatura, e all’Ansa tuona: «Siamo sicuri si tratti di un errore». Critiche anche da Giuseppe Bruno presidente del Pd Sicilia: "Ho sempre ritenuto questo rimpasto inutile e figlio della vecchia politica ed i fatti mi hanno dato ragione. Ancora una volta ci ritroviamo con un presidente pasticcione. Se la lista sarà confermata meglio stare fuori da questa esperienza".

I socialisti, tagliati fuori dalla giunta, disconoscono il Crocetta quater e Fiumefreddo: “Prendiamo atto della composizione del nuovo governo da parte del presidente Crocetta, ma constatiamo che nessun rappresentante del nostro gruppo è stato designato né tra i politici né tra i tecnici”. Lo affermano i deputati Giovanni Di Giacinto, Antonio Malafarina, Nino Oddo e Antonio Venturino.

"Leggo da alcune agenzie di stampa che Ncd avrebbe un assessore tecnico nella giunta regionale siciliana. Ribadisco che noi siamo e restiamo estranei alla giunta di governo. Nessuno dei membri della giunta ci rappresenta e, nello specifico, non ho il piacere di conoscere personalmente l'illustre professionista che ci viene attribuito". Così il leader di Ncd e ministro dell'Interno, Angelino Alfano sul nuovo Governo Crocetta. "Restano dunque ferme, per quanto ci riguarda, le posizioni sempre ribadite nelle nostre dichiarazioni pubbliche e ufficiali. Riforme strutturali per la Sicilia sì, governo no, né in forma diretta né indiretta. Noi siamo estranei al governo Crocetta e a questa giunta".

 

Questa la nuova giunta:

Mariella Lo Bello Vicepresidente, Assessore per le attività produttive (Presidente)

Antonello Cracolici  Assessore per l'agricoltura, sviluppo rurale e della pesca mediterranea - PD

Giovanni Pistorio Assessore per le infrastrutture e la mobilità - centristi

Maurizio Croce Assessore per il territorio e ambiente - Sicilia futura

Cleo Li Calzi Assessore per il turismo, sport e spettacolo (presidente)

Baldo Gucciardi Assessore per la salute - PD

Gianluca Miccichè Assessore per la famiglia, politiche sociali e lavoro - centristi

Alessandro Baccei Assessore per l'economia - PD

Carlo Vermiglio Assessore per i beni culturali e l'identità siciliana  - centristi

Vania Contrafatto Assessore per l'energia e i servizi di pubblica utilità - PD

Bruno Marziano Assessore per l'istruzione e la formazione professionale- PD

Antonio Fiumefreddo - Assessore delle autonomie locali e funzione pubblica - PD

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X