Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Eurostat, in Sicilia il tasso di occupazione più basso d'Europa
LAVORO

Eurostat, in Sicilia il tasso di occupazione più basso d'Europa

ROMA. La Sicilia è la regione europea con  il più basso tasso di occupazione (42,4%) delle persone tra i 20  e i 64 anni, mentre la Puglia ha il gap più grande in Ue tra il  tasso di occupazione maschile e femminile (quasi 30 punti): le  regioni del Sud Italia - secondo l«'Eurostat regional  yearbook» pubblicato ieri - arrancano ancora e registrano un  aumento del divario con il resto del Paese.

Tra Bolzano, l'area in Italia con il tasso di occupati più alto (76,1%, grazie all'alto tasso anche tra le donne, il 69.4%)  e la Sicilia, c'è una differenza di oltre trenta punti. Su  appena sei regioni in Europa (su 270) con il tasso di  occupazione complessivo tra i 20 e i 64 anni inferiore al 50% -  sottolinea Eurostat - quattro sono in Italia: Puglia (con il  45,7%, ndr), Campania (42,7%), Calabria (42,6%) e Sicilia,  mentre una è in Spagna (Ceuta) e una in Grecia (Dytiki Ellada).  Il dato è legato anche alla scarsissima occupazione femminile  con appena il 29,6% delle donne che lavorano tra i 20 e i 64  anni in Sicilia (appena il 29,9% anche in Campania). Per contro  - sottolinea l'Eurostat - l'occupazione delle donne in questa  fascia di età raggiunge il 75% in Olanda, in molte regioni della  Germania, nei Paesi nordici e nel Regno Unito.     L'Italia ha anche il più ampio divario regionale per la  disoccupazione giovanile (15-24 anni): in Calabria raggiunge il  59,7% della forza lavoro a fronte del 12,4% di Bolzano.  Nel  2014 la percentuale dei giovani Neet (persone non occupate nè in  un percorso di formazione o educazione) tra i 18 e i 24 anni in  Europa era al 16,3%, in calo rispetto al picco del 17,1% del  2012. Il livello più alto di Neet in Ue si registra in Italia  con il 29% (tra il 21% e il 27% in Romania, Spagna, Bulgaria,  Cipro e Grecia) ma con picchi oltre il 40% in Calabria e  Sicilia.  Di qui l'urgenza di affrontare il problema di  disoccupazione giovanile e abbandono scolastico, due fra i  dossier sotto i riflettori degli Open Days, la Settimana europea  dedicata ogni anno a città e Regioni, al via lunedi« prossimo a  Bruxelles e promossa da Comitato delle Regioni Ue e Commissione  europea.

Molto alto nelle regioni meridionali - segnala infine  l'Eurostat - anche il tasso di disoccupazione di lunga durata,  ovvero di coloro che restano senza lavoro per oltre 12 mesi. Il  record della disoccupazione di lunga durata tra le regioni  europee è in Guadalupa (territorio d'oltre mare francese, con il  79,5%), ma quattro regioni italiane sono oltre il 65%.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X