Lunedì, 16 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LAVORI PUBBLICI

Dimissioni in massa negli uffici appalti della Regione, gare in tilt in Sicilia

di
Lasciano i vertici in mezza Sicilia. Decisiva la riduzione dei loro compensi, oltre ai tanti spostamenti richiesti ai presidenti

PALERMO. Dimissioni di massa nelle stazioni appaltanti di Catania, Palermo, Agrigento e Trapani. Va in tilt il sistema delle gare pubbliche e il governo è costretto a varare d’urgenza delle nomine su cui si preannunciano già dei ricorsi.

È un’altra emergenza che attraversa il settore dei lavori pubblici, dopo i crolli su strade e autostrade. Da oltre una settimana, senza tanto clamore, hanno lasciato i propri incarichi i presidenti e alcuni vicepresidenti degli Urega di mezza Sicilia: si tratta degli uffici che pubblicano i bandi e curano le gare d’appalto per tutti gli enti pubblici di ogni provincia.

Strutture create una decina d’anni fa per arginare il rischio infiltrazioni negli appalti. A Palermo ha fatto un passo indietro l’avvocato Enrico Sanseverino, a Trapani Carmelo Grizzafi, ad Agrigento l’ex senatore Melchiorre Cerami mentre la stazione appaltante di Catania era affidata temporaneamente a un commissario che ha dovuto lasciare l’incarico.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X