Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Guerra in Libia, Coldiretti: "A rischio l'export alimentare italiano"
L'ALLARME

Guerra in Libia, Coldiretti: "A rischio l'export alimentare italiano"

 ROMA. L'escalation della crisi in Libia fa soffrire l'export agroalimentare italiano che nel 2014 ha subito un crollo del 25 per cento, a 160 milioni di euro.

È quanto emerge un'analisi della Coldiretti realizzata per l'Ansa dalla quale si evidenzia che sono stati soprattutto colpiti ortofrutta, pasta e conserve di pomodoro. Per l'ortofrutta, il prodotto alimentare italiano più richiesto, il valore delle esportazioni nel 2014 si è attestato a 50 milioni di euro, in calo del 22% sul 2013.

Per motivi culturali e religiosi sono praticamente nulle le esportazioni in Libia di vino, formaggi e salumi - ricorda Coldiretti - ma le altre eccellenze del made in Italy dal 2008 al 2013 avevano registrato un forte trend di crescita, bloccatosi già agli inizi del 2014 e con un 2015 che ha visto «precipitare la situazione».

La cooperativa Fruit Modena Group - riferisce Coldiretti - ha interrotto le esportazioni di pere in Libia da alcune settimane per i rischi nei pagamenti e l'incertezza che regna sul mercato. Preoccupazioni per il futuro riguardano anche le esportazioni di conserve di pomodoro che sono state pari ad oltre 40 milioni di euro nel 2014 (-0,2 per cento).

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro di Cremona - prosegue Coldiretti - ha spedito nel maggio 2014 l'ultimo carico di Pomì e Gusto d'Oro in Libia, poi l'instabilità del Paese ha impedito ulteriori rapporti di scambio commerciale che erano stati avviati nel 2013.

Tiene l'export di caffè che è rimasto stabile attorno ai 3 milioni di euro, mentre un preoccupante calo si è registrato per le spedizioni di pasta Made in Italy che sono crollate dell'84 per cento ed ammontano ad appena 2 milioni di euro nel 2014.

Le tensioni sul mercato libico si vanno a sommare - prosegue l'organizzazione agricola - a quelle che hanno portato all'embargo di frutta e verdura, formaggi, carne, salumi e pesce in Russia, con perdite stimate attorno ai 200 milioni di euro all'anno. I 'venti di guerra' tuttavia -conclude Coldiretti - non hanno però impedito alle esportazioni italiane di chiudere il 2014 facendo registrare il record storico per i prodotti agroalimentari e bevande nazionali raggiungendo il valore di 34,3 miliardi, con un aumento del 2,4 per cento rispetto all'anno precedente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X