Giovedì, 04 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Crisi, l'allarme Caritas: "In Italia una persona su 4 a rischio povertà"
IL RAPPORTO

Crisi, l'allarme Caritas: "In Italia una persona su 4 a rischio povertà"

Una persona su 3 è a rischio povertà nei 7 Paesi "deboli" della Ue (Italia, Portogallo, Spagna, Grecia, Irlanda, Romania e Cipro)

ROMA. Una persona su 3 è a rischio povertà nei 7 Paesi "deboli" della Ue (Italia, Portogallo, Spagna, Grecia, Irlanda, Romania e Cipro). È quanto sottolinea il rapporto di Caritas Europa sull'impatto della crisi. A fronte di un rischio di povertà o esclusione sociale del 24,5% nella Ue a 28, nei 7 Paesi è al 31% (28,4% in Italia, oltre 1 su 4). In tema di povertà e di esclusione sociale, Caritas evidenzia «un'Europa due velocità»: alla fine del 2013 il 24,5% della popolazione europea (122,6 milioni di persone, un quarto del totale) era a rischio di povertà o esclusione sociale, 1,8 milioni in meno rispetto al 2012.

Nei sette Paesi considerati più vulnerabili a seguito della crisi lo stesso fenomeno coinvolge il 31% della popolazione. L'Italia si posiziona su valori intermedi (28,4%), mentre il valore più elevato si registra in Romania (40,4%). Dal 2012 al 2013 la povertà «assoluta» è diminuita di poco: dal 9,9 al 9,6% della popolazione nell'Ue a 28 Stati. Tra i Paesi deboli, il fenomeno è «allarmante» (14,9% nel 2013) - sottolinea il Rapporto della Caritas - con punte massime in Romania (28,5%) e in Grecia (20,3%). In Italia la «deprivazione materiale grave» colpisce il 12,4% della popolazione. Il numero di persone che vive in famiglie quasi totalmente prive di lavoro è aumentato in tutti i sette Paesi europei considerati dal Rapporto di Caritas: erano il 12,3% nel 2012 e sono diventate il 13,5% nel 2013.

La crisi economica ha fatto aumentare l'attività di assistenza: «In Italia l'azione Caritas si esplica attraverso 1.148 iniziative anticrisi. Dal 2010 ad oggi le iniziative diocesane risultano raddoppiate (+99%)». È quanto rileva il Rapporto di Caritas Europa. Rispetto ai contributi erogati con il «fondo straordinario anticrisi» attivato nel 2013 da Caritas, il 39,6% delle risorse sono state utilizzate per integrare il reddito delle famiglie; il 32% è invece impiegato per l'acquisto di beni di prima necessità.
Nonostante alcuni segnali di ripresa, «gli effetti della crisi appaiono ancora molto forti e persistenti». Lo sottolinea Caritas Europa in un Rapporto nel quale rileva che nell'Unione a 28 sono più di 25 milioni i cittadini privi di lavoro (8,4 mln in più rispetto al dato pre-crisi del 2008). «Le persone più colpite - ricorda Caritas - sono quelle con bassi livelli di istruzione e i giovani. Aumenta la disoccupazione di lungo periodo». Per l'Italia «triste primato» dei Neet, giovani che non studiano e non lavorano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X