Giovedì, 29 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Padoan, "Grazie all'Italia, adesso l'Unione europea punta alla crescita"
IL PROGRAMMA

Padoan, "Grazie all'Italia, adesso l'Unione europea punta alla crescita"

Il ministro parla del piano dell'Italia di crescita: "Adesso si parla di nuovo di investimenti con il piano Juncker da 300 miliardi"

ROMA. Grazie all'Italia, l'Ue ha capito che non si può più «strisciare sul fondo della crescita» e «parla soprattutto di investimenti». Il ministro Padoan, al Corriere della Sera, spiega che non sfonderemo il 3% come la Francia. Gli 80 euro ai pensionati? Prima «la pressione fiscale sul lavoro, per favorire più occupazione».

«La crescita scarsa e la bassa inflazione mi preoccupano eccome, ma il dato dell'ultimo trimestre indica un punto di svolta». L'ottimismo, secondo il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan - intervistato dal Corriere della Sera - è necessario. «Il governo deve lavorare anche sulle aspettative», dice. Chiaramente serve anche la «concretezza», e nella legge di Stabilità - aggiunge il ministro - c'è, con i «18 miliardi di taglio delle tasse», finanziato «da un taglio delle spese».

Rispondendo a una domanda sugli 80 euro, che anche i pensionati si aspettano, Padoan spiega che «abbiamo fatto quanto consentito dalle risorse, cominciando dalla pressione fiscale sul lavoro per favorire più occupazione, che significa anche più crescita e quindi più risorse che potranno poi essere redistribuite». Perchè non abbiamo fatto come la Francia? «Sfondare il 3% sarebbe un errore gravissimo», implicherebbe una «totale perdita di credibilità». «Mantenendo i vincoli di bilancio, continueremo a tagliare le tasse», spiega. E parlando del rinvio a marzo del giudizio Ue sul nostro bilancio sottolinea che «responsabilmente Bruxelles ha compreso che non si poteva continuare a strisciare sul fondo della crescita. Che non basta verificare, come fossimo computer, i saldi contabili per stabilire la giustezza o meno di una politica di bilancio». E questo aggiunge - è «merito anche della presidenza di turno italiana», «oggi si parla finalmente di investimenti con il piano Juncker da 300 miliardi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X