Martedì, 26 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Tari, avvocati palermitani sul piede di guerra
RIFIUTI

Tari, avvocati palermitani sul piede di guerra

Professionisti pronti a contestare, impugnandola davanti al Tar, la delibera della Giunta che, ad agosto scorso, ha fissato i coefficienti per il calcolo della tassa

PALERMO. Annunciano battaglia i professionisti palermitani, pronti a contestare, impugnandola davanti al Tar, la delibera della Giunta che, ad agosto scorso, ha fissato i coefficienti per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti.

A scendere in campo è l'avvocato Francesco Greco, presidente dell'Ordine degli Avvocati che, delibera alla mano, ha scoperto che a Palermo per la spazzatura gli studi professionali si trovano a pagare più dei ristoranti, degli ospedali, degli hotel, degli stabilimenti balneari e di molti altri esercenti commerciali.

«L'assegnazione dei coefficienti - scrive Greco in una lettera inviata al presidente del Consiglio comunale che domani dovrebbe decidere se approvare la delibera di Giunta - è iniqua e illegittima e verrà impugnata».

Greco ha chiesto di essere sentito dal Consiglio e avrebbe già informalmente avuto la garanzia di una convocazione. «Al massimo in uno studio - spiega - produciamo carta. Come è possibile che paghiamo più dei ristoratori?».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X