Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Marcia della pace Perugia-Assisi, Mattarella: "Aumentino i costruttori di pace"
IL MESSAGGIO

Marcia della pace Perugia-Assisi, Mattarella: "Aumentino i costruttori di pace"

«E' importante che la Marcia sia stata confermata anche quest’anno. Mi auguro che i costruttori di pace diventino sempre più numerosi nel cantiere della pace. Siate generatori di pace». Lo scrive il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una lettera inviata a Flavio Lotti, Coordinatore del Comitato promotore della Catena Umana della Pace e della Fraternità.

«Dalla Marcia Perugia-Assisi - si legge - proviene ogni volta un messaggio popolare molto forte che scaturisce dalla consapevolezza del carattere integrale della pace e della stretta connessione tra i grandi temi globali, a cominciare dalla lotta alla povertà e alle disuguaglianze, dal contrasto al cambiamento climatico, dalla cooperazione necessaria per assicurare ai popoli quel diritto a uno sviluppo sostenibile che è parte del diritto stesso alla vita e al futuro».

«Per questo - prosegue la missiva - è importante che anche quest’anno la marcia sia stata confermata, nel rispetto delle condizioni di sicurezza imposte dalla pandemia, e che possa dare a tante persone e a tanti giovani la possibilità di esprimere la volontà di un domani migliore e l’impegno a farsi generatori di pace, a partire dalla realtà quotidiana. La stessa azione di contrasto alla pandemia può diventare una modalità di costruzione della pace.

«Time for Peace - Time to care» è il motto scelto per l’edizione 2020. Il diritto alla cura è un caposaldo della piena cittadinanza ma la cultura della cura va oltre la capacità del sistema di welfare di rispondere ai bisogni con qualità ed efficienza: la cultura della cura è una dimensione della fraternità tra gli uomini, è un fattore di coesione sociale e può diventare vettore di un’economia orientata a un più equilibrato e duraturo sviluppo. Nel mondo non mancano conflitti, oppressioni, violenze provocate da odi etnici e integralismi religiosi, non mancano minacce di riarmo nucleare. Non deve venir meno la voce di quanti chiedono la pace, il rispetto dei diritti dell’uomo, il cessate il fuoco ovunque si combatta. Al tempo stesso. E’ quanto mai prezioso che ci sia coscienza di una pace impegnativa per ciascuno di noi, a partire dalla realtà quotidiana e da una educazione alla pace che deve farsi permanente. E’ con questo spirito che saluto i partecipanti alla marcia, nell’augurio che i costruttori di pace diventino sempre più numerosi nel cantiere della pace.»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X