Martedì, 14 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Gattopardo, la Sicilia riparte dalla cultura
IN EDICOLA

Gattopardo, la Sicilia riparte dalla cultura

Un numero dedicato alla ripartenza. Declinata su tre temi: cultura, turismo e innovazione, i pilastri su cui la Sicilia può rialzarsi e procedere sul cammino interrotto. Gattopardo, il mensile in edicola da oggi con il Giornale di Sicilia e con la Gazzetta del Sud, ragiona su rischi e opportunità del futuro.

Nella speranza che la pandemia porti a un ripensamento profondo del modo di produrre, oltre che di vivere, e che i miliardi dell’Europa si traducano davvero nell’occasione di riformare profondamente il sistema Italia, di rendere gli uffici pubblici efficienti, di snellire burocrazie e lentezze. Evitando il rischio – al netto dei doverosi aiuti nei mesi di emergenza - di un pericoloso ritorno a una cultura dell’assistenza. A prima che i giovani capissero che dovevano inventarsi le occasioni e la vita, a prima che uscissero dalla mentalità atavica dell’attendere qualcosa dal cielo, a prima dell’autoimprenditorialità, delle start up, delle imprese innovative.

Ecco quindi la cultura che riparte, testimonial il cantante catanese Mario Biondi che – sorridente in copertina, appena diventato padre per la nona volta – racconta del desiderio di tornare a vivere nella sua Sicilia. Da Palermo a Siracusa, da Taormina ad Agrigento, una carrellata di testimonianze, di esperienze, di progetti per fare ripartire tra l’estate e l’autunno quella straordinaria macchina fatta di eventi, di spettacoli, di iniziative che sono un cardine economico dell’Isola ma, prima ancora di questo, una grande occasione per essere comunità. E poi riflettori accesi sul turismo con i protagonisti del settore, tra il timore per una stagione in parte compromessa e le speranze che la domanda interna possa in qualche modo compensare la mancanza – o la penuria – di visitatori stranieri. E ancora uno sguardo attento a tutte quelle pratiche di innovazione sociale che sono il perno dello sviluppo autentico del Sud. In tutta l’Isola, esperienze nate dal basso, condotte da imprese o da realtà del Terzo settore, nella cultura, nell’accoglienza, nei servizi.

Poi un omaggio alla scuola (tra i grandi feriti di quest’anno) attraverso le storie di due professori davvero speciali: Maurizio Piscopo, insegnante elementare, musicista, scrittore, che va in pensione dopo una vita tra i bambini, e Rocco Schembra, che a Catania ha inventato la Notte dei Licei classici - poi diventata evento nazionale - in onore a quella formazione per un periodo ritenuta poco utile alle sfide del presente, e poi fortunatamente rivalutata.

E un altro omaggio, questa volta al veterano dell’informazione nell’Isola: il Giornale di Sicilia, che compie 160 anni dalla sua fondazione, con uno speciale con fotografie, interviste e prime pagine d’epoca, e la ripubblicazione di un lungo, gustoso articolo che lo scrittore Vincenzo Consolo dedicò nel 1985 all’identità siciliana, uno sguardo semiserio tra verità e luoghi comuni. Quel giornale nato nell’anno dell’Unità d’Italia ha generato una galassia editoriale fatta di carta stampata, di tv, di radio, di informazione on line di cui anche Gattopardo è parte.

Infine idee, itinerari, sguardi sul mondo. E un tour nei piccoli borghi siciliani. La nuova frontiera del turismo e – forse – di un prossimo ritorno a una dimensione di vita più decentrata e umana. La Sicilia di Gattopardo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X