Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
L'OMAGGIO

Il doodle di Google celebra Vicente Huidobro, il poeta che definì Neruda "un merluzzo"

doodle di google, Vicente Huidobro, Sicilia, Cultura
Il doodle di Google dedicato a Vicente Huidobro

Il doodle di Google oggi celebra Vicente Huidobro nel 127esimo anniversario della sua nascita.

Ma chi era? Vicente García-Huidobro Fernández, questo il suo nome completo, fu un poeta cileno, ideatore del creazionismo poetico, uno dei più grandi insieme a Neruda, De Rokha e Mistral. E proprio con Neruda ebbe scontri tanto accesi da definirlo "un merluzzo".

Cosa è il creazionismo? La tendenza di fare della poesia uno strumento di creazione assoluta. Lo stesso Huidobro lo spiega, nella sua raccolta di saggi Manifesti, del 1925, cosa sia una poesia creata: "È una poesia nella quale ogni parte che la costituisce, e tutto l'insieme, mostra un fatto nuovo, indipendente dal mondo esterno, slegato da qualunque altra realtà che non sia la propria, che prende il suo posto nel mondo come fenomeno singolo, a parte, distinto dagli altri. Questa poesia è qualcosa che non può esistere se non nella testa del poeta. E non è bella perché ricorda qualcosa, perché ricorda cose viste, a loro volta belle, né perché descriva cose belle che potremmo anche vedere. È bella in sé e non ammette termini di comparazione. E nemmeno può essere concepita fuori dal libro".

I caratteri del creazionismo furono chiariti nel prologo del suo libro Horizon carré del 1917, dove si afferma che "un'opera d'arte è una nuova realtà cosmica che l'artista aggiunge alla natura" e che bisogna "creare una poesia come la natura crea un albero".

Huidobro, che nacque a Santiago del Cile nel 1893 e morì a Cartagena il 2 gennaio del 1948, visse per molti anni a Parigi dove conobbe Reverdy, Apollinaire, Arp, Picasso, e altri esponenti dell'avanguardia d'inizio secolo.

Il creazionismo contribuì a rinnovare il vocabolario poetico, a scoprire ritmi più rapidi e intensi. Di Huidobro si ricorda il suo grande estro inventivo e verbale, sia in francese che in spagnolo. Oltre a "Orizzonte quadrato" (Horizon carré  scrisse Stagioni scelte (Saisons choisies, 1921), Equatoriale (Ecuatorial, 1918), Altazor o il viaggio in paracadute (Al tazor o el viaje en paracaidas, 1931), Il cittadino dell'oblio (El ciudadano del olvido, 1941). Ha scritto anche un curioso breve romanzo, Satiro (1930), di echi joyceiani.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X