Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura George Michael morto solo, spunta l'ipotesi dell'overdose
ATTESA L'AUTOPSIA

George Michael morto solo, spunta l'ipotesi dell'overdose

ROMA. George Michael sarebbe morto, solo, la mattina di Natale. A trovarlo il compagno Fadi Fawaz, come ha raccontato lui stesso al Daily Telegraph. Il giornale inglese ipotizza anche che la causa del decesso, arresto cardiaco, potrebbe essere stata conseguenza di un'overdose.

In passato George Michael aveva avuto già problemi di droga e aveva cercato di combattere una dipendenza da eroina e secondo una fonte del quotidiano, il cantante sarebbe stato curato in ospedale per overdose. Non si fermano intanto le processioni dei fan per lasciare un fiore, sia davanti alla residenza londinese dell'ex Wham che alla casa di campagna nell'Oxfordshire dove è morto.

Per la polizia, il decesso non è sospetto. Alla fine a chiarire le cause sarà l'autopsia, anche se poco importa ora ad amici, colleghi e fan, che piangono il musicista capace di segnare un'epoca. Il cuore di Michael - inglese con origini cipriote il cui vero nome è Georgios Kyriacos Panayiotou - ha smesso di battere ma resta la sua immensa eredità musicale che attraversa quattro decenni e che è rappresentata da una montagna di dischi venduti, oltre 100 milioni di copie, e dai tanti premi internazionali conquistati come Grammy e American Music Awards.

La lunga carriera di George Michael, 100 milioni di dischi venduti in 40 anni - Foto

Le sue canzoni si traducono in ricordi per più di una generazione, fra singoli da party sfrenati, romantici lenti che hanno segnato storie d'amore e alcuni brani simbolo di una emancipazione sessuale, in particolare per il mondo gay, di cui il musicista è stato icona indiscussa. Negli anni d'oro del pop, Ottanta e Novanta, ha goduto di una popolarità paragonabile a quella di pochi altri: fin dall'inizio della sua carriera con gli Wham - in coppia col chitarrista Andrew Ridgeley - ha conquistato i vertici delle hit parade con brani celebri come 'Wake Me Up Before You Go-Go', 'Freedom', 'Last Christmas'. E poi da solista, con successi come 'Jesus To A Child' e 'Fastlove'. Ma soprattutto quella 'Outside' del 1998, ispirata al suo arresto per aver adescato un poliziotto in un bagno pubblico a Beverly Hills, momento che ha segnato l'atteso outing di Michael.

George Michael, il mondo dello spettacolo a lutto: il ricordo corre sui social - Foto

La notizia della sua morte nel giorno di Natale ha scioccato il mondo della musica e il vasto pubblico che lo seguiva. «Ho perso un caro amico, l'anima più gentile e generosa e un artista geniale», ha scritto Elton John su Instagram. «Addio amico mio! Un altro grande artista ci lascia», ha cinguettato Madonna su Twitter. E anche i rappresentanti britannici della politica e delle istituzioni si sono accodati per ricordarlo. Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha definito la popstar, residente nel quartiere di Highgate, a nord della capitale britannica, «un talento incredibile che ha portato gioia a milioni di noi con la sua musica».

Da George Michael a Prince, l'anno nero del pop: le star scomparse nel 2016 - Foto

Ma sono i fan i più sconvolti. Oggi c'è stato un via vai continuo di persone in lacrime davanti alla casa del musicista a Londra. Portano fiori, biglietti, qualche candela, fin davanti alla porta dell'abitazione dove viveva Michael quando si trovava nella metropoli. Lo stesso è accaduto nel villaggio di Goring-on-Thames di fronte alla casa di campagna del cantante. Il suo pubblico era stato abituato negli anni a preoccuparsi per la sorte del proprio beniamino, fra arresti per droga, incidenti d'auto e malattie.

La sua senza dubbio è stata una vita spericolata e i tabloid del Regno hanno cercato sempre di rivelarne i dettagli più personali. Nel 2014 è stato ricoverato per un misterioso collasso. Un anno prima era stata la volta di un incidente stradale su un'autostrada per Londra: l'amico che guidava aveva perso il controllo della macchina e George era finito sull'asfalto rimediando per fortuna solo contusioni e uno stato di shock. A novembre del 2011, durante un tour, era stato ricoverato d'urgenza in Austria per una grave polmonite. Ha dovuto trascorrere un mese in rianimazione. Esperienza che lo aveva profondamente segnato ed ispirato il suo singolo 'White Light', uno dei brani recenti a cui l'artista era più legato e in cui ringraziava per essere sfuggito alla morte.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X