Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Premio a Fuocoammare, il dg Rai: "Felici per Rosi e per Lampedusa". Il regista: "Basta barriere"
EUROPEAN FILM AWARDS

Premio a Fuocoammare, il dg Rai: "Felici per Rosi e per Lampedusa". Il regista: "Basta barriere"

ROMA. "C'è negli Usa ormai una reale identificazione tra la frontiera del deserto messicano e il Mediterraneo che attraversano i nostri migranti per approdare a Lampedusa. Vedono ormai Fuocoammare in modo universale. E questo anche grazie a Trump che ha creato un timore a livello politico e minaccia di erigere muri".

Così ieri notte, a caldo, Gianfranco Rosi parla a Wroclaw (Polonia) del suo film che ha appena conquistato il premio come miglior documentario alla 29/a edizione degli EFA (European Film Awards). E ancora il regista, che con questo documentario ha già vinto l'Orso d'oro a Berlino ed è appena entrato nella shortlist degli Academy Awards, sottolinea di avere "pochissima speranza nel futuro. In Europa la destra cresce e c'è un'assenza totale di politica verso il problema dei migranti. L'unica politica è quella di erigere barriere".

Reduce da un viaggio negli Stati Uniti per promuovere la corsa agli Oscar del suo Fuocoammare, Rosi racconta di aver "incontrato tanta gente in America e la cosa più commovente è quando ci sono persone che, uscite dalla proiezione, ti chiedono: 'e io che posso fare per aiutare perché questo non accada più?'".

La corsa per gli Oscar non sarà facile per Fuocoammare, nonostante l'identificazione con la frontiera messicana: "Ci sono quest'anno molti bei film in corsa. Penso a titoli come 'O.J: Made in America' e 'Cameraperson'". Mentre Rosi glissa, con diplomazia, sulla polemica sollevata da Paolo Sorrentino che aveva contestato la designazione italiana di Fuocoammare agli Oscar: "Sorrentino magari ha ragione. Ancora non sappiamo cosa succederà, bisogna vedere se Fuocoammare entra nella shortlist ristretta (per ora è solo in una preselezione che comprende 15 lavori, ndr)".

Nel futuro di Gianfranco Rosi ancora un documentario: "Ho già un'idea, ma non la dico, altrimenti rovino tutto. Quello che è sicuro è che non girerò in Italia". Dedica di questa ennesima vittoria? "Sicuramente a Lampedusa e alla sua gente che mi manca molto". L'incontro con Rosi si chiude con una sua telefonata notturna a Pietro Bartolo, il gentile medico di Lampedusa che ha salvato e accolto tanti migranti: "Pietrino è andata bene - dice il regista -: abbiamo vinto".

"Siamo davvero molto felici per il premio vinto da Fuocoammare agli European Film Awards, per molti e importanti motivi", dichiara il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall'Orto. "Perché è una grande opera d'arte italiana; perché racconta dei motivi per i quali l'Italia ha e avrà un ruolo centrale per una Europa dei diritti sempre più unita; per la meravigliosa gente di Lampedusa che dell'Europa è la frontiera d'accoglienza. E soprattutto perché siamo convinti che l'arte, l'espressione di un pensiero complesso attraverso un'opera complessa, possa davvero toccare la sensibilità di tutti, influenzandone le opinioni".

"E che tutto questo sia merito di un documentario così bello e intenso, con un linguaggio contemporaneo e internazionale, è un ulteriore motivo di grande soddisfazione per il nostro paese e per la Rai. Il ringraziamento più grande - conclude il dg di Viale Mazzini - va ovviamente a Gianfranco Rosi, l'uomo al cui talento dobbiamo questo bellissimo viaggio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X