Domenica, 23 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura A Palermo la «banca dei semi» per preservare le piante dell'Isola in via d'estinzione
NOI E L’ORTO BOTANICO

A Palermo la «banca dei semi» per preservare le piante dell'Isola in via d'estinzione

di
banca del seme, orto botanico, Palermo, piante, via d'estinzione, Sicilia, Cultura
FOTO DI GIOVANNI PEPI PUBBLICATA SUL SUOPROFILO INSTAGRAM @GIOVAPEPI

PALERMO. Salvare le specie tipiche della Sicilia è tra gli obiettivi dell' Orto botanico di Palermo. Tra questi c' è l' abete delle Madonie meglio conosciuto come «Abies nebrodensis», ma anche la viola di Ucria, la calendula marittima del Trapanese, il cardo niveo e lo sparviero di Monte Gallo.


L'Abies nebrodensis è la pianta simbolo tra le specie minacciate in Sicilia che è stata salvata dagli esperti dell' Orto botanico. A dispetto del nome scientifico, questo esemplare non vegeta sui Monti Nebrodi, ma nel territorio di Polizzi Generosa nella zona del Parco delle Madonie. Fino a una decina di anni fa ne erano stati censiti solo 30 esemplari. Tra il 2001 ed il 2005 è stato avviato un progetto «Life» finanziato dell' Unione europea che ha visto la collaborazione dell' Università de gli Studi di Palermo e in particolare l' Orto botanico, l' Ente parco delle Madonie e l' Azienda foreste della Regione che hanno collaborato per stabilizzare la popolazione dell' abete minacciato e di testare il tasso di sopravvivenza di nuove piantine con programmi in vivaio.
I progetti hanno previsto la piantumazione di abeti al di fuori dell' habitat naturale. Sono stati selezionati e conservati semi fertili di alcune piante e da questi l' Azienda Foreste Demaniali ha potuto ottenere circa 3000 piante che rafforzano ulteriormente la popolazione esistente e le speranze di sopravvivenza della specie intera. Queste piantine vanno aumentando in numero e grandezza e l' obiettivo finale è quello di ripopolare la zona di Polizzi Generosa. Una delle «mission» dell' Orto botanico di Palermo è la conservazione della biodiversità vegetale grazie anche all' allestimento di collezioni di semi conservate nella banca del germoplasma, che è stata istituita nel 1993. Il suo scopo è quello di preservare i semi delle piante in estinzione dell' area mediterranea con riferimento soprattutto alle specie selvatiche endemiche o minacciate.
«I semi vengono prelevati da esperti botanici nel loro habitat naturale - spiega la responsabile della banca del germoplasma dell' Orto botanico di Palermo, Anna Scialabba - poi in un laboratorio vengono selezionati i semi più vitali, conservati a seconda delle specie a bassa umidità e a bassa temperatura (-20 ˚C). Alcuni semi vengono impiantati nell' Orto botanico quando il clima permette compatibilità con lo sviluppo delle piante.
Altre volte è necessario il loro scambio con altre istituzioni come l' azienda Foreste per la reintroduzione in natura e la rigenerazione della flora a rischio». Nelle collezioni della banca del germoplasma si conserva il 60% di tutte le specie della flora endemica siciliana, di queste il 35% sono minacciate.
«Tra i fattori che più mettono a rischio le specie endemiche siciliane c' è il forte sfruttamento del territorio da parte dell' uomo con la costruzione di strade e cave ma anche i vasti incendi che distruggono spesso gran parte delle piante della macchia mediterranea - spiega la responsabile della banca- e i cambiamenti climatici rappresentano un fattore di rischio per la flora siciliana». Purtroppo il numero delle specie a rischio è in continuo aumento, pertanto la loro perdita rappresenterà un costo per le future generazioni. «La conservazione delle risorse genetiche vegetali svolge un ruolo importante per la sicurezza globale del cibo e la conservazione del patrimonio biologico sotto forma di semi contribuisce alla salvaguardia delle specie - conclude la professoressa Scialabba - ed è necessaria per assicurare alle future generazioni il germoplasma preservato».
Inoltre nell' Orto botanico è presente la Banca del Dna, istituita nel 2012: costituisce una strategia di conservazione che implementa le collezioni documentate conservate nell' Herbarium Mediterraneum e le collezioni di germoplasma vivente presenti nell' Orto botanico. La banca del Dna è un duplicato di sicurezza per le specie a rischio di estinzione o nel caso in cui si verifichino eventi catastrofici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X